Quando Halloween non fa paura

Toy-Story-of-Terror-Logo

Pensando a quale sarebbe stato l’oggetto dell’articolo di oggi e data la vicinanza con Halloween, cercavo di trovarne uno che fosse in linea con la festa delle streghe, dei morti viventi, dei fantasmi, delle mummie, dei vampiri, dei lupi mannari e delle zucche vuote (eheh).
Ehi, ma un momento, però… io non guardo film horror!*
E di cosa cavolo vuoi parlare il giorno prima di Halloween se non sei pratica del genere? Di un cartone animato, ovvio.

Essendo nata nel 1988 ho fatto in tempo a vedere ed apprezzare tutti i cartoni della Disney (non come i bambini di oggi, che hanno sostituito Cenerentola con Peppa Pig). Quando è uscito il primo Toy Story in Italia avevo otto anni ed è successa una cosa inaspettata: spodestando principesse e animali del bosco, era riuscito a conquistarsi il podio dei miei cartoni preferiti. Nel periodo dell’uscita di Toy Story 2 mi avvicinavo, invece, all’adolescenza ma non potei fare a meno di rinnovare il mio amore per questo film d’animazione che, differentemente da tutti i sequel della Disney (devo per forza ricordarvi La Sirenetta II – Ritorno agli abissi?), migliorava. Mia sorella, che è più piccola di me, era entrata proprio in fissa, tanto da farsi comprare la bambolina di Jessie che trattavamo come una piccola reliquia perché dopo aver visto Toy Story non puoi più guardare i tuoi giocattoli nello stesso modo.

Quando nel 2010 arrivò anche Toy Story 3 – e all’epoca ero evidentemente grande – gridavo al sacrilegio: se il sequel era andato bene, un terzo episodio non poteva reggere il confronto. Non era umanamente possibile e avrebbe finito per rovinare un capolavoro. Anche perché, parlando di giocattoli, cos’altro potevano inventarsi quelli della Disney Pixar? E fu allora che accadde l’ennesimo miracolo: Toy Story 3 face vari record di incassi e si rivelò per essere una vera bomba, anche per gli allora ventenni come me. Anzi vi dirò che il terzo episodio è proprio il mio preferito per il potere che ha di emozionare piccoli e grandi (soprattutto).

Tutta questa pappardella per dirvi che i geni della Pixar, in occasione di Halloween, hanno realizzato un cortometraggio a tema horror con i famosi giocattoli come protagonisti. Un po’ come fa Matt Groening con gli Halloween special dei Simpson (a proposito, quest’anno l’intro sarà realizzato da Guillermo del Toro, da non perdere!).
Il corto Toy Story of Terror è visualizzabile in streaming con i sottotitoli in italiano QUI, mentre la versione doppiata non è ancora reperibile. Per gli appassionati del genere horror, il breve film d’animazione presenta svariate citazioni cinematografiche, anche se a parer mio poteva essere sfruttato di più.

Toy story halloween

Proseguendo la puntata a tema “horror”, vi vorrei far vedere un altro piccolo ed esilarante video realizzato da quelli del Saturday Night Live (celebre per aver mandato in onda anche il parodistico Djesus Uncrossed con Christoph Waltz come protagonista) che questa volta hanno preso di mira uno dei registi di punta della cinematografia contemporanea: Wes Anderson.
Il povero Wes sembra, così, essersi avvicinato al genere horror con un film dal titolo agghiacciante: The Midnight Coterie of Sinister Intruders (che in italiano suonerebbe più o meno come Il crocchio notturno degli invasori sinistri).
Nel trailer del nuovo film vediamo, quindi, i fedelissimi del regista (interpretati a loro volta dai volti noti del Saturday Night Live e con Edward Norton nei panni di Owen Wilson) che devono affrontare un gruppo di persone che vogliono intrufolarsi nella loro casa per ucciderli. A farla da padrone è ancora la regia di Anderson, riprodotta fedelmente nelle tinte delle immagini, nella noia esistenziale dei personaggi e nella ricerca della perfezione estetica.

Wes Anderson – The midnight Coterie of sinister intruders from MisterB on Vimeo.

* Si, sono una fifona. Se vedo un film horror non dormo per notti intere. Paradossalmente mi fanno meno paura i grandi classici del terrore (come ad esempio L’esorcista) mentre quelli attuali sono troppo realistici per i miei gusti.

Comments

Written By
More from Giada Toso

Guida all’henné puro, ovvero come tingersi i capelli in modo naturale

Tutte sappiamo l’effetto che fa la tinta sui nostri capelli. Non importa...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *