La magia di Arte Sella, museo nel cuore del bosco

arte_sella

Nel cuore del bosco, in una valle incantata contornata da montagne, prende vita un progetto che ha come obiettivo intrecciare l’arte e la natura, la creatività e i diversi linguaggi artistici, per dare la possibilità di respirare a pieni polmoni delle emozioni vere e in continuo divenire nel tempo.

Ci troviamo in Trentino, più precisamente in Val di Sella, trasformata in un esteso museo nella (e della) natura, a partire dal 1986, quando un gruppo di amici residenti a Borgo Valsugana si ritrova nel giardino di Villa Strobele a immaginare quest’idea di contemporary mountain.
Attiva dal 2002, Arte Sella dà la possibilità ad artisti di tutto il mondo di realizzare opere che traggono nutrimento dalla storia e dal paesaggio del luogo, con la particolarità che la Natura, non è solo strumento di ispirazione ma detta e determina il vero ritmo di costruzione e sviluppo dell’opera.

arte_sella_3

arte_sella_1

arte_sella_2

I PRINCIPI CARDINE

Da subito Arte Sella ha l’intenzione di curare il paesaggio e il Creato, esponendolo, ma soprattutto rispettandolo e per questo vengono stabiliti alcuni principi cardine, che tuttora ispirano l’attività di Arte Sella (li cito uno per uno):

  • L’artista non è protagonista assoluto dell’opera d’arte ma accetta che sia la Natura a completare il proprio lavoro
  • La natura va difesa in quanto scrigno della memoria
  • La natura non viene solo protetta, ma interpretata anche nella sua assenza: cambia quindi il rapporto con l’ecologia
  • Le opere sono collocate in un hic et nunc (“qui e ora”) e sono costruite privilegiando materiali naturali. Esse escono da paesaggio, per poi far ritorno alla natura

I LUOGHI ESPOSITIVI

artesellaNei vari luoghi espositivi sono visibili le opere cardine che si sono succedute nel corso di questi trent’anni e si snodano in tre diversi percorsi.
Prima regola: lasciare l’automobile presso l’area di sosta e godersi la bellezza del sentiero camminando e attivando tutti i sensi.
Il percorso Artenatura si estende per circa due chilometri alla scoperta di un bosco vivo e incontaminato, dove i rumori e i colori entrano in armonia con le opere che dal 1986 nascono, vivono e muoiono.
In quasi due ore si ha la possibilità di arrivare all’Area di Malga Costa, una volta dedicata all’alpeggio degli animali, poi divenuto luogo espositivo nel 1998 e infine spazio per performance e incontri, per arrivare alla fine a Villa Strobele, dove tutta questa magia è nata.
Arte viva.
Come vivo è il legno di cui gran parte delle opere sono fatte.
Create dall’uomo e completate dall’intervento della Natura, del Tempo.
Portatrici di un grande messaggio, fatto di natura, silenzio, pazienza e attesa fiduciosa.

 

Immagini prese dal sito web di Arte Sella

Comments

More from Cristina Antigo

Santa Caterina: tesoriere d’arte di Treviso

In questo periodo sono innamorata dell’inusuale. Di tutto ciò che ti fa...
Read More