Il Content Journey di Francesca

img.evidenza-Mengato

Il mio viaggio nel contenuto inizia dalle immagini.

Sono le immagini a catturare la mia attenzione.

Sono i colori, i soggetti, i tagli a definire nella mia testa le priorità.

L’immagine parla, descrive, a volte grida, spesso spiega.

 

Il mio viaggio nel contenuto inizia la mattina appena sveglia: mi piace prendermi del tempo per me – molto, lo ammetto – davanti ad un caffè fumante. Tv e radio rimangono spente: rifuggo i suoni, evito il rumore, cerco solo il contatto visivo.

Nemmeno il tempo di sciacquare il viso e Facebook è già aperto: la mia prima fonte di informazioni è il social che grazie agli Instant Articles mi fornisce ad un primo sguardo le informazioni più rilevanti e grazie alle interazioni degli utenti mi dà subito l’idea di quali hanno ottenuto maggior attenzione.

Dopo una prima veloce immersione generale, approfondisco quello che più mi ha colpito semplicemente cercando su Google ulteriori fonti che mi diano maggiori dettagli. E sono sempre le immagini a colpirmi per prime, subito dopo i titoli, che in alcuni casi fungono da immagini essi stessi.

Sono i contenuti personali ad attirarmi maggiormente, forse perché danno l’idea di essere più autentici, più veri.

Cerco la sintesi, la chiarezza, l’organizzazione sia nelle persone che nel contenuto: se questo si dilunga eccessivamente lo abbandono. Non sono paziente e preferisco un’ampia infarinatura generale a pochi approfondimenti verticali.

Complice il lavoro che faccio, la mia intera giornata si snoda tra contenuti di vario genere, di cui usufruisco via smartphone e desktop.

Ma nonostante il lavoro che faccio, la carta avrà sempre un posto d’onore nel mio cuore, perché mi dà un senso di concretezza, perché rimane, non è veloce come il web, mi dà il tempo di apprezzare e soprattutto di imprimere il contenuto nella mia testa: che si tratti di un libro, di una rivista, o di un quotidiano, a conclusione della mia giornata chiudo il cerchio e mi rilasso in assenza di suoni e rumori.

 

Francesca Mengato

Comments