Scienza & Gnorri

Il Vampirismo negli Animali: Esempi più Diffusi

0
Like

Buongiorno a tutti! Benvenuti a questa nuova puntata di Scienza&Gnorri. Quest’oggi festeggiamo il 50 articolo di questa rubrica dedicata alla Scienza. Per festeggiare questo primo traguardo oggi dedichiamo questa puntata ad un argomento molto succulento: il vampirismo negli animali! Buona scienza a tutti e buon 50° articolo!

Il vampirismo è stato descritto un po’ in tutte le forme negli ultimi millenni: esistono testimonianze nella cultura babilonese e sumera. Il vampiro viene descritto in molti modi differenti a seconda del periodo storico e del paese di provenienza. La maggior parte parla però di essere che si nutrono di sangue proveniente da diverse fonti (questa è forse la versione più famosa). Nella puntata Benvenuti a Monsterland – Vol. 1 avevamo visto quali potevano essere le origini scientifiche del Vampiro. Appurato che il vampirismo negli essere umani non esiste, scopriamo invece che esistono diverse specie di animali che hanno adottato un comportamento alimentare, simile a quello dei vampiri: l’ematofagia. Questi animali si nutrono di sangue di vertebrati e sono portatori di numerosi patogeni (il pericolo maggiore infatti non sta nella perdita eccessiva di sangue, ma nella trasmissione di virus e batteri attraverso il morso).

vampirismo animale zanzaraVediamo quindi i 10 animali ematofagi esistenti!

1. Zanzara | Quante punture dobbiamo sopportare ogni anno, quanti bruciori e fastidi derivano da questa famiglia di insetti. Pochi sanno però che sono solo le femmine a pungere, succhiando fluidi vitali ricchi di proteine, essenziali per la formazione delle uova. Alcune specie sono ematologhe, come la Anopheles Stephensi, la razza portatrice principale della malaria.

2. Pipistrello Vampiro | Questa specie di pipistrelli è diffusa principalmente nel continente americano e ha la pessima abitudine di nutrirsi esclusivamente di sangue di vertebrati. In seguito al morso l’animale rilascia un anticoagulante, noto anche come draculina (!). Attacca spesso animali domestici e può anche ritornare ripetutamente a nutrirsi dalla stessa ferita.

3. Calamaro Vampiro | Parliamo di un mollusco che abita nelle zone più profonde dei mari (raggiunge anche i 900 metri), luoghi quasi completamente privi di luce. Questo animale entra di diritto nella nostra lista per l’ambiente in cui abita: un luogo quasi completamente al buio, con una ossigenazione minima, condizioni estreme per la maggior parte delle altre specie. Essi sono in grado di ridurre al minimo il proprio metabolismo. In caso di pericolo il calamaro vampiro reagisce genera una luce bluastra nei tentacoli. La loro vista si è adattata al punto di scorgere anche le più fievoli luci.

fring4. Fringuello Vampiro | Questo uccello ha sviluppato un comportamento davvero strano: becca la pelle di due specie di uccelli (sula nebouxii e Sula dactylatra) con il becco estremamente affilato finché non fuoriesce del sangue. La loro dieta comprende anche uova di altre specie.

5. Zecche | Questi parassiti si cibano di sangue animale, ma anche umano. Sono molto pericolose perché portatrici di alcune malattie molto pericolose (sia per l’uomo che per gli animali), come la piroplasmosi (il virus si attacca ai globuli rossi invadendoli e distruggendoli), la rickettsiosi (che provoca febbre, cefalea e malessere generale), la malattia di Lyme (infezione batterica che provoca eritema, mal di testa, febbre, dolori muscolari e spossatezza; se non curata per tempo può sfociare un una artrite cronica) o la febbre Q (infezione batterica che a livello polmonare; è considerata una potenziale arma biologica.)

lam6. Lampreda | Grazie alla loro bocca a ventosa, questi vertebrati acquatici si possono attaccare a diverse superfici, anche ai pesci, dai quali succhiano il sangue, facilitati da una saliva anticoagulante e a piccoli dentini che possono raschiare facilmente la pelle del povero malcapitato.

7. Caridù | Parliamo di uno dei pochi casi di vertebrato parassita: questo pesce penetra nelle cavità branchiali di pesci più grandi, pratica poi un’apertura con i denti in un’arteria branchiale e si nutre del sangue che fuoriesce. Purtroppo questo animale pene spesso all’inguine degli esseri umani.

8. Sanguisughe | Questi vermi incidono la pelle delle vittime per nutrirsi del sangue. Le loro vittime possono essere animali o esseri umani. In un precedente articolo avevamo visto l’uso nella medicina di questi esseri viventi.

cim9. Cimice dei Letti | L’insetto che fu uno dei parassiti più diffusi fino agli anni ’40 del XX secolo, si ciba del sangue di animali a sangue caldo (uomo compreso). Le lesioni provocate dal loro morso sono molto fastidiose ed altamente pruriginose e possono causare una reazione iperimmune dalle sostanze trasmesse dalla sua saliva.

10. Falena Vampira | Terminiamo questa nostra puntata con la falena vampira, una razza della famiglia delle Erebidae, che deve il suo nome alla abitudine a bere sangue di vertebrati (in rari casi anche dell’uomo).

Con il vampirismo negli animali siamo giunti quindi al 50° articolo. Un ringraziamento speciale a tutti coloro che hanno deciso di leggere questa mia rubrica. Buon giovedì e buona scienza a tutti!

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM GIADA

ENTRA NELLA COMMUNITY