Per lei voglio rime chiare,
usuali: in -are.
Rime magari vietate,
ma aperte: ventilate.
Rime coi suoni fini
(di mare) dei suoi orecchini.
O che abbiano, coralline,
le tinte della sue collanine.
Rime che a distanza
(Annina era così schietta)
conservino l’eleganza
povera, ma altrettanto netta.
Rime che non siano labili,
anche se orecchiabili.
Rime non crepuscolari,
ma verdi, elementari.

(G. Caproni)
LD
Letizia Del Pizzo
Rome, Italy

ABOUT

Letterata per laurea e vocazione, vivo la vita come se fosse un film di Truffau. Nerd cinematografica e disordinata cronica, la mia giornata ideale è a base di caffè e macchina da scrivere.
Sono una nostalgica di epoche mai vissute che adora il vintage e i centrini di nonna.

Jonas Jonasson scrisse che "non serve iniziare la giornata cercando di indovinare cosa accadrà" e se mi chiedete dove sarò tra dieci anni vi rispondo che non lo so, ma che sicuramente avrò molte storie da raccontare.

I MAGAZINE DOVE SCRIVE

ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI

La fenomenologia del cinefilo

Letizia Del Pizzo 15 febbraio 2016

Il mio nuovo strano fidanzato

Letizia Del Pizzo 8 febbraio 2016

Joy e la conquista della felicità

Letizia Del Pizzo 1 febbraio 2016

Torneranno i prati

Letizia Del Pizzo 25 gennaio 2016

Il sapore della ciliegia

Letizia Del Pizzo 11 gennaio 2016

I film sotto l’albero

Letizia Del Pizzo 21 dicembre 2015

ENTRA NELLA COMMUNITY

We use cookies to ensure that we give you the best experience. If you continue without changing your settings, we’ll assume that you are happy to receive cookies from our website. anytime by typing