Arte in pillole

Universo a regola d’arte!

0
Like

Quanto può essere emozionante e rilassante alzare la testa quasi per sbaglio e perdersi tra milioni di stelle?

Perdersi con lo sguardo fra le stelle è come perdersi ad indagare la propria anima, ho sentito dire… e la mia anima in questo periodo vaga, in cerca di rifugio sicuro.
Menomale c’è l’Arte… e la Natura… e quando le due si incontrano, non ce n’è per nessuno: il cuore si riappacifica, l’anima ritorna al proprio posto, gli occhi brillano e la bocca sorride serena.

E quando anche l’Universo decide di fare arte, le stelle si uniscono a creare le costellazioni.

In questi giorni a Bibione ne ho vista chiaramente una e me ne sono innamorata.
Mi sono innamorata e incuriosita di quei puntini luminosi uniti assieme da fili invisibili di immaginazione e ho scoperto che sono state “battezzate” ben 88 costellazioni, ma che la loro visibilità dipende dal periodo e dalla latitudine!

Per esempio, ora, d’estate, in Italia è ben visibile Ercole “circondato da mostri mitici” come il Dragone, l’Ofiuco e il Serpente; oppure le classiche Orsa Maggiore e Orsa Minore, ma loro sono visibili sempre alla nostra latitudine!

cielo estate

Secondo questa mappa alcune sere fa dovrei aver visto Cassiopea.
Questa costellazione ha una forma a zig-zag, come una “W” e si oppone all’Orsa Maggiore. È formata da 5 stelle che con molta immaginazione rappresentano la regina vanitosa seduta sul trono mentre gioca coi suoi capelli!

Il mito narra, infatti, che la moglie del re dcassiopea schema’Etiopia, un giorno, mentre era intenta a pettinarsi i capelli, dichiarò di essere più bella delle Nereidi, le cinquanta sorelle, ninfe del mare. Una di esse era la sposa di Poseidone, il quale, chiamato a far giustizia, mandò un mostro a razziare le coste del paese del Re.
Per acquietare il mostro i due sovrani incatenarono Andromeda, loro figlia, la quale però scampò all’atroce destino grazie all’intervento di Perseo.

Come ulteriore punizione a Cassiopea toccò, dunque, di girare eternamente intorno al polo celeste, a volte anche nella scomoda posizione sottosopra!

Non solo nella notte di San Lorenzo sono visibili le stelle cadenti, dicono anzi che le notti migliori siano le due successive: perciò perché non prendere un asciugamano, correre via da tutto l’inquinamento luminoso e immergersi nella Via Lattea?

Che cadano oppure no, è comunque sempre un piacere stare un po’ a contemplare questa distesa luminosa… e per non ammirarla impreparati vi lascio a questo link ricco di curiosità sulle costellazioni.

Buona notte dei desideri!
Vi auguro tante stelle cadenti,
tanti sogni da esprimere,
tanti sogni da voler realizzare!

 

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM CRISTINA ANTIGO

ENTRA NELLA COMMUNITY