Otro más

Un cuore di gelato

0
Like

L’estate, il sole, il caldo, il mare cosa manca? Ovvio il gelato!!!

Si anche noi amanti degli aperitivi amiamo il gelato, e vi sveleremo qualcosa che forse non tutti sanno. Negli ultimi anni è nato quello che viene chiamato gelato gastronomico, ovvero un gelato dal gusto salato che viene spesso accompagnato proprio ai nostri tanto amati aperitivi.

Seppure al momento non siamo ancora riusciti a provarlo (non è così facilmente reperibile infatti) la curiosità è tanta e prima o poi di sicuro capiterà l’occasione. Nel frattempo però ci consoliamo con il gelato dolce quello che conosciamo tutti, cremoso, fresco e ovviamente delizioso.

In origine, il gelato non era quello che conosciamo ora. I riferimenti alla refrigerazione di frutta, latte e miele compaiono già nei testi più antichi. Addirittura nella Bibbia pare che Isacco offra ad Abramo del latte di capra misto a neve.

Il gelato  ha origini davvero antiche, da re Salomone ad Alessandro Magno, passando per gli egizi e i romani, o forse sarebbe meglio dire il suo antenato più ghiacciato.

È durante il periodo medievale in Oriente però che ha origine il vero sorbetto, i succhi di frutta e gli infusi a base di acqua e zucchero, erbe e spezie infatti vengono congelati ponendoli in recipienti circondati da ghiaccio. Sono poi i Crociati, di ritorno dalla Terra Santa, che portarono sulle tavole dei ricchi d’Europa le raffinate ricette dei sorbetti a base di agrumi, gelsi e gelsomini.

Alla corte dei Medici a Firenze il sorbetto ha un vero e proprio posto d’onore.

Una famosa leggenda vuole che sia un certo Ruggeri, fiorentino e venditore di polli, a vincere con il suo sorbetto, un concorso indetto proprio dai signori di Firenze, venendo così scelto per preparare il gelato in occasione delle nozze di Caterina de’ Medici ed Enrico d’Orleans a Parigi. Fu lui a introdurre così il gelato in Francia rendendolo famoso in tutta Europa.
bancone gelateria cioccolatitaliani
Ma è solo un secolo dopo che nasce il gelato così come lo conosciamo, grazie al siciliano Francesco Procopio de’ Coltelli, che con una rudimentale gelatiera lasciatagli in eredità dal nonno crea il primo vero gelato utilizzando dello zucchero al posto del miele e aprendo nella seconda metà del 1600 la sua caffè-gelateria a Parigi.

Ora sappiamo che di gelato ne viene prodotto davvero moltissimo sia industrialmente che artigianalmente. Noi come credo la maggior parte di voi preferiamo di gran lunga quello artigianale, ma anche qui esistono molti modi per prepararlo.

Ogni mastro gelatiere ha le sue ricette e i suoi segreti, e anche noi abbiamo i nostri preferiti così abbiamo deciso di condividere con voi le nostre gelaterie “del cuore”, sparse per il nord Italia.

Logo CioccolatitalianiLa prima di cui vi vogliamo parlare è Cioccolatitaliani a Milano, di sicuro qui è il cioccolato a farla da padrone, a cominciare da quello fuso che viene messo nel cono prima del gelato, fino alle varie tipologie di gusti al cioccolato, che si diversificano sia per il tipo di cioccolato utilizzato sia per i vari abbinamenti che vengono proposti.

Non mancano i waffle e i panini brioche che loro stessi producono, l’unico consiglio che vi possiamo dare però è quello di armarvi di pazienza perché qui la coda arriva fino a fuori in strada!

Banco gelatiofferta del martedì alla Gelateria GodotAltra gelateria che adoriamo è la Gelateria Godot a Rovigo, qui il gelato è conservato dentro ai pozzetti e mantecato al momento con la spatola.

I gusti della gelateria Godot sono strepitosi e molto originali, potrete anche gustare semifreddi, stecchi, sorbetti e tanto altro ancora.

I proprietari sono “squisiti” esattamente come le prelibatezze che propongono, vi consigliamo davvero un giretto in questa piccola gelateria dal grande cuore!

Le mogli dei soci della Vaka MoraInfine vi vogliamo segnalare una nostra recente scoperta: Vaka Mora. Un’agrigelateria a Sala d’Istrana a Treviso dove il gelato viene mantecato al momento dalla macchina, il cosiddetto gelato soft per capirsi.

La particolarità di questo gelato però è che è prodotto con il latte delle loro mucche che si trovano proprio dietro la stessa gelateria!

Questo si che è si dice a km 0… Inoltre siccome la mantecatura con le macchine limitava la scelta di gusti, i proprietari si sono inventati un modo davvero originale per variare l’offerta, mescolano il gelato su una piastra fredda a -10 gradi con gli ingredienti freschi, vi assicuriamo che il risultato è davvero fantastico!!!

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM MARION E FABIO

ENTRA NELLA COMMUNITY