CookinMusic

Summertime Sadness: Insalata di Ceci alla Lana Del Rey

0
Like

Quella panterona bionda che è Lana Del Rey non ci vuole dare tregua e la sua “Summertime Sadness” ci sta perseguitando in ogni dove, radio, Youtube, Vimeo, ovunque. Non c’è che dire, gran bel pezzo, impossibile fare a meno di ascoltarlo, e sapete una cosa? Mi fa venire fame! Sì perché ogni volta che sento pronunciare le parole “Summertime Sadness” mi viene nostalgia dell’estate, l’estate mi ricorda le giornate (rarissime) trascorse al mare, il mare mi ricorda la mia migliore amica, Vera, e la mia migliore amica, sempre Vera, mi ricorda la sua terra, il Salento, luogo che non ho ancora avuto il piacere di visitare ma che ho avuto, grazie a lei e alla sua mamma, il piacere di assaggiare. Il mare, e quindi la mia amica (sì, è sempre Vera) e le sue origini, mi ricordano in particolare un piatto che mi ha lei stessa fatto scoprire per prima e che è diventato uno dei nostri pasti estivi “da spiaggia”, comodo, “veloce” (poi capirete il perché delle virgolette) e semplice da realizzare, facilissimo da trasportare, goduriosissimo e pure sano! Bando alle ciance, di seguito la ricetta che d’ora in poi, in onore della canzone “Summertime Sadness” a cui lo associo ogni qual volta sento questo pezzo, chiamerò: “L’insalata di ceci alla Lana Del Rey”!

Ceci alla Lana del Rey

Prima di tutto, chi è Vera? | Come anticipavo nel primo post di CookinMusic, ogni tanto spunterà qualche mio collaboratore culinario e oggi parto subito con il presentarvi Vera. Trattasi della versione in carne e ossa del detto “Nella Botte Piccola Ci Sta Il Vino Buono”, capelli corvini, ironia e sarcasmo a palate, due tette da paura (mi ucciderà per questo, ma credetemi, sono proprio le più belle che ci siano in circolazione!) e sangue leccese. Ci conosciamo dalle Scuole Superiori, siamo cresciute insieme musicalmente andando a centinaia di concerti, litighiamo nel giro di trenta secondi, facciamo pace nel giro di venti e il nostro rapporto è l’esatta trasposizione nella realtà di quello che intercorre tra Beavis e Butthead, ve lo giuro, quando siamo insieme ridiamo esattamente nello stesso assurdo, identico, molestissimo modo! Da vecchie ci ritroveremo a giocare a carte, io con addosso la maglia dei Foo Fighters e lei con addosso quella dei Bad Religion. Oltre a file audio, magliette, accessori e consigli, spesso e volentieri ci scambiamo ricette gastronomiche, come questa, “L’insalata di ceci alla Lana Del Rey”. In Salento i ceci sono ben apprezzati e voi potete seguire la versione che ha creato Vera oppure modificarla o integrarla con ingredienti alternativi perchè tanto, qualsiasi cosa ci metterete dentro, la renderà comunque fantastica in quanto i ceci, e chi l’avrebbe mai detto, stanno davvero bene con tutto!

Cosa serve | Beh, ovviamente servono i ceci. Una porzione corretta secondo le tabelle del regime alimentare a zona (il quale, per ora, risulta quello più sano in circolazione per via dei corretti livelli glicemici in grado di mantenere, ne parleremo nei prossimi post) prevede circa 70 grammi di ceci secchi a testa per cui, se siete in due come me e la mia compare quando siamo dirette al mare, avrete bisogno di 140 grammi di questo fantasmagorico legume. Dopo di che vi serviranno circa 60 grammi a testa di tonno sott’olio, quindi 120 grammi totali (ben scolati dall’olio), un ciuffetto di prezzemolo, mezza cipolla (bianca o di tropea, fate un po’ voi, a me quella bianca fa venire il mal di testa per colpa dell’ossido di zolfo), il succo di un quarto di limone, pepe e scaglie di pecorino.

Come si preparano i ceci | Questa ricetta, come tutte le insalate, è semplice che più semplice non si può. All’inizio del post ho messo tra virgolette l’aggettivo “veloce” in quanto la sua realizzazione è di per sé davvero rapida a parte per la preparazione dei ceci. Essi vanno comprati secchi e il processo per cuocerli va iniziato per tempo in quanto è necessario lasciarli a bagno dalle 12 alle 18 ore (controllate sulla confezione o chiedete al fruttivendolo e ricordatevi di cambiare l’acqua di ammollo di tanto in tanto), scolarli bene, sciacquarli e farli poi bollire in una pentola dalle 2 alle 3 ore (anche in questo caso controllate le indicazioni fornite dall’etichetta sulla confezione o chiedete al simpatico fruttivendolo di prima). Quando metterete i ceci nella pentola, prima di accendere il fuoco, assicuratevi che siano ricoperti da almeno due dita d’acqua e portateli a ebollizione coprendoli con un coperchio (che manterrete per tutto il tempo fino a cottura ultimata). L’acqua dovrà essere già salata così potrete evitare di usare il sale sui ceci per condirli; inoltre, se volete dar loro un aroma più particolare, potete provare ad aggiungere un rametto di rosmarino durante la cottura e lasciarlo in infusione assieme ai legumi. Quando saranno cotti, dovrete scolarli e lasciarli raffreddare. Non provate a fare i furbi mettendoli direttamente in frigo! Non vale, rovinerete il frigorifero innalzandone la temperatura interna e consumando più energia elettrica e soprattutto modificherete il processo chimico in atto nei legumi “inchiodandoli”, ovvero indurendoli un sacco!

Come si insalatano i ceci? | Ecco, è il momento della “Summertime Sadness”. Se penso al completamento del piatto mi viene già la malinconia estiva, mi torna in mente la freschezza che si prova nel papparselo in riva al mare con il venticello che soffia, i capelli che ti finiscono sugli occhi mentre cerchi di inquadrare la forchetta e l’ingiuria che parte con gli occhi rivolti al cielo quando un cece ti cade sulla sabbia e tu pensi “Ho sprecato il ben di Dio, vorrei flagellarmi!”. Ora che i ceci sono stati fatti raffreddare, e sono a temperatura ambiente, è finalmente possibile condirli nel seguente ordine: spruzzatina di limone (poco, mi raccomando!) – mescolatina – aggiunta del tonno scolato – mescolatina – aggiunta della cipolla tagliata finemente a rondelle oppure più grossolanamente a minuscoli rettangolini – mescolatina – aggiunta del prezzemolo tritato – mescolatina – aggiunta di scaglie di pecorino e pepatina finale (niente mescolatina stavolta, l’ultima va fatta poco prima di servire, o meglio, poco prima di mangiare dal tupperware in cui li avrete riposti per portarveli in spiaggia come facciamo noi ;) ). Come dicevo all’inizio, potete integrare o sostituire gli ingredienti dell’”Insalata di ceci alla Lana Del Rey” con pomodori a cubetti, listarelle di peperoni crudi, feta creca, olive nere, gamberetti, prosciutto a cubetti, insomma come vi pare e piace perchè, credete a me e a Vera, i ceci “ceciano” proprio con qualsiasi altro alimento! Spazio alla creatività e alla fantasia!

Summertime Sadness Summertime Chickpeas

Ceci da sempre incautamente snobbati | Le persone comuni ce l’hanno a morte con i legumi come se chi li mangia dovesse vergognarsene; ecco, grande cazzata! I legumi sono ottimi e fanno un gran bene al nostro organismo. I ceci, in particolare, fanno parte della categoria dei carboidrati favorevoli e sono ricchi di acidi grassi insaturi, ovvero i beneamati Omega 3. Questi piccoli gioiellini tondeggianti sono composti per il 10,6% da acqua, per il 19,3% da proteine, per il 17,5% da fibre alimentari, per il 2% da ceneri, per il 6% da grassi e da carboidrati, contengono moltissimi minerali come potassio, calcio, fosforo e magnesio (in maggioranza), sodio, ferro, zinco, rame, manganese e selenio (in minoranza). I ceci apportano anche una buona quantità di vitamine B1, B2, B3, B5, e B6, folati (sono quindi un buon sostituto della carne), vitamina C, K e J e, ultima ma da non trascurare, la tanto ricercata vitamina E. Cari i miei sportivi (e cari i miei ubriaconi), i ceci hanno pure una discreta presenza di aminoacidi tra cui i più abbondanti sono l’acido aspartico, l’acido glutammico, la leucina, la lisina, la fenilalanina, l’arginina, la serina, la valina ed l’isoleucina (ho citato voi amici della sbornia in quanto, come indicato nel post sui metodi mondiali per superare l’hangover, gli aminoacidi sono ottimi per combattere i dopo sbronza).

Summertime Sadness…Summertime Chickpeas! Buon appetito!

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM VERONICA "THEBEAST" DRAGO

ENTRA NELLA COMMUNITY