Coffee Break

Star Wars secondo Arocena

0
Like

In vista della ormai prossima uscita del 7° capitolo di Star Wars abbiamo intervistato Orlando Arocena, artista invitato da Poster Posse a presentare i propri lavoro all’art show con Lecafepixel, Acme archives e LucasFilms in Marsiglia.
Abbiamo incontrato Orlando quando è stato ospite, lo scorso settembre, della Mostra “Gusto Robusto. Stampe d’arte vettoriale” tenutasi a Treviso in ambito del TCBF.
Arocena è di origine messicana-cubana e vive a New York pur lavorando con continuità con Los Angeles.
Il suo successo è subito riscontrabile nell’originalità delle sue opere. Lui usa la tecnica vettoriale come nessun altro. In mano sua, un programma “freddo” come Illustrator può dare filo da torcere anche al più pittorico Photoshop. Sarà per questo che la stessa multinazionale Adobe lo ha chiamato a disegnare la splashpage della versione CC di Illustrator (l’immagine di copertina che appare quando lanciate il programma e attendete che questo carichi).

illustrator

Per lo stesso motivo è stato un grande onore averlo come ospite a Treviso e un’enorme sorpresa scoprire che la sua opera inedita per Gusto Robusto era un tributo a questo stesso movimento di promozione della tecnica vettoriale come forma d’arte (tanto da diventarne il manifesto della mostra).

Gusto Robusto

Dal punto di vista figurativo Arocena è in grado di mischiare l’iconografia messicana (fatta di teschi, fiori) con quella latina (avete presente i tattoo traditional?) applicandola all’immaginario dei grandi film di Hollywood. E poi c’è l’uso del colore che è estremamente fluido e ancora mi domando come non gli scoppi il computer!

Principessa
Guardia
Guardia

“Per mantenermi agli studi a New York facevo il guardasala al museo d’arte… e il tempo non passava mai. Così ho iniziato a disegnare. Guardavo queste immense bellissime opere dei grandi pittori e riportavo su carta, a modo mio, quello che vedevo. Un giorno ero così assorto che non ho sentito dei passi giungere. Ho sentito bussare alla spalla e mi sono voltato. Era il direttore del museo «Fuck» ho pensato «Ora mi licenzia». gli ho consegnato l’album e ho iniziato a sudare freddo. «Allora, non sei autorizzato a disegnare durante l’orario di lavoro. Se lo rifai sarò costretto a licenziarti. Tu sai che ogni anno facciamo una piccola mostra con le opere dei dipendenti? Quest’anno voglio esporre qualcosa di tuo»” Mentre Orlando ci racconta questo aneddoto mima tutta la scena e mi diverto e mi commuovo. Sono seguiti poi altri momenti di racconti con tutte le sfumature delle emozioni umane. Una parte di me avrebbe voluto registrarli per condividerli, perché la storia di Arocena fa bene ai giovani. In una parola lo definirei un Mito perché molti dovrebbero prendere esempio da lui: inseguire i sogni rimanendo fedeli a sé stessi. Ma non li ho registrati e non li scriverò qui per rispetto di un’amicizia. Vi basti pensare che da quella prima mostra è inizia l’avventura in ambito artistico di un ragazzo nato nel Bronx negli anni ’80 -influenzata da Stare Wars e l’hip-hop- che lo ha portato a studiare all’accademia di belle arti e a lavorare poi nell’advertising. Un’evoluzione che continua ancora oggi e guarda alla tecnologia e al futuro.

Si può dire che Arocena sia famoso. E’ stato tra i protagonisti di HerosFestival a Marsiglia e in questi giorni si inaugura una mostra ufficiale Lucas Film che lo ha portato in tour promozionale a Londra e Parigi. Eppure esporre opere digitali non è ancora facile. Sembra che il mondo dell’arte non sia ancora pronto a riconoscere queste illustrazioni come opere perché si ferma nel constatare che è un qualcosa fatto a computer e stampato in digitale ignorando che all’origine c’è “l’arto” (la mano che muove il mouse o disegna con la tavoletta grafica) che a sua volta è frutto di una visione.

… Fortuna che presto la Lucas Film aprirà a Chicago il suo museo, tutto dedicato all’arte digitale!

chicago museum

Per tornare a Star Wars, e al legame personale di Arocena con la Saga, ecco qui di seguito un estratto tradotto del servizio dedicatogli da Create, il magazine Adobe.

LA FORZA È POTENTE CON ORLANDO AROCENA

Siamo fans dei fenomenali lavori in Adobe Illustrator CC di Orlando Arocena. E lui è fan della saga di Star Wars.

Orlando ricorda il suo primo approccio con Star Wars nel 1977.

“È stato uno dei primi film che ho visto a teatro quando avevo circa cinque anni. Mio fratello maggiore mi aveva portato al cinema, e quando siamo arrivati, il film proiettato era Star Wars – ed ero eccitatissimo per questo” Afferma lui. “Mi aveva lasciato lì con due confezioni di popcorn extralarge e due bicchieri di Coca Cola extralarge e mi disse di non muovermi perché aveva un appuntamento galante e che sarebbe poi tornato a prendermi. Sfortunatamente si dimenticò e quel giorno mi sono guardato Star Wars quattro volte.”

La mostra HerosFestival, che comprende lavori di Orlando e dozzine di artisti da tutto il mondo, è una produzione congiunta tra Le Café Pixel Gallery, il Poster Posse, Archivi Acme, Lucas Film, e quindi la città di Marsiglia e molti altri collaborando con emozione per l’uscita di Star Wars: Il Risveglio della Forza.

Orlando trova in Star Wars una parte accattivante, a causa della creatività che è evidente nei film. Ma la sua ammirazione per la serie va più a fondo di tutto questo. “In parte, Star Wars mi ha preso per tutto quel che dice, non solo per la creatività, ma anche per la sua filosofia” dice. “L’intero yin-yang del Lato Oscuro e della Forza… Penso che, come pubblico, gravitiamo intorno a questo. E non è solo divertente, ma anche motivante.”

Orlando non è solo un fan di Star Wars, è anche un fan di Illustrator. “Seriamente, Adobe Illustrator è il mio videogioco preferito di tutti i tempi,” affermando anche che in genere si approccia alle sue illustrazioni in uno dei due modi: “Spesso, inizio direttamente abbozzando in Illustrator dopo che ho assimilato e unito insieme tutte le mie risorse visive e i riferimenti […] poi tiro forme vettoriali che riempio di colore sfumato per manipolarlo all’interno di uno spettro […]”

L’altro processo di Orlando è una tecnica più tradizionale o “Old-school”: fa la bozza su carta, la scansione, e poi la traccia in digitale.
“Ma solitamente preferisco lavorare direttamente sull’illustrazione” afferma “così vivo di più la spontaneità del processo evolutivo dello schizzo iniziale”.
[…]
Non perdetevi gli altri lavori di Orlando nella sua pagina Behance.

Link
Orlando Arocena su Behancec
Orlando Arocena per Gusto Robusto
Lucas Film Museum
Create Magazine Adobe
Hero Festival
Poster Posse

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM ANNA RADO

ENTRA NELLA COMMUNITY