Scienza & Gnorri

Squali. Signori indiscussi del mare? Forse non più

0
Like

Buongiorno a tutti e benvenuti a questa nuova puntata di Scienza & Gnorri. Quest’oggi parleremo del segreto degli squali “zombie”. Non non stiamo parlando di un pessimo film dell’orrore, nello stile degli squali volanti che calano dai tornado. Parliamo invece di un meccanismo di difesa attuato da alcune specie di animali chiamata tanatosi.

Partiamo dalla base. Cos’è la tanatosi? Si tratta di un comportamento che alcuni animali adottano in reazione ad una situazione estrema, in cui il corpo simula uno stato di morte apparente.

Latrodectus_geometricus_female_in_thanatosis_IMG_2765sQuesto comportamento viene adottato da diverse specie di animali: serpenti, opossum, scarabei e anche dagli squali.
A livello fisico il corpo si paralizza temporaneamente e diventa insensibile agli stimoli esterni. La durata è variabile in base alla specie, ma si aggira generalmente intorno ai 15 secondi. Viene usato come meccanismo di difesa, oppure come metodo di caccia (ad esempio le volpi fingono la morte per attirare i corvi, per poi attaccarli).

Nel caso degli squali però la faccenda si fa complessa. Alcune morti particolarmente strane di squali, anche di grosse dimensioni, ha suscitato l’attenzione degli scienziati: un caso è quello di uno squali bianco di quasi 3 metri trovato morto sulla spiaggia. Qualcosa di veramente grande lo aveva sbranato. Si è sempre pensato che lo squalo fosse il signore indiscusso del mare, ma questi strani eventi mettono in dubbio questo pensiero.

Nel caso specifico il colpevole è stato probabilmente un gruppo di orche. Infatti altri casi di attacchi a squali sembrano supportare questa teoria. L’anno scorso infatti un gruppo di orche ha attaccato ed ucciso uno squalo tigre. In questo articolo potrete vedere il video del brutale attacco.
Alcuni scienziati hanno raccolto le testimonianze di attacchi a squali provenienti da tutto il mondo: alcune specie di animali hanno imparato ad usare lo stato di morte apparente contro gli squali: in alcuni video si vede come le orche accerchino la predo e posizionino il malcapitato squalo a pancia in su innescando la tanatosi. In quello stato l’animale non è più in grado di reagire e le orche possono completare il loro attacco.

In questo video si vede chiaramente l’orca che spinge con il muso lo squalo per posizionarlo a pancia in su.

Attenzione: le scene sono molto forti!

In questo video invece l’esperto di squali e sommozzatore Eli Martinez mette in pratica la tanatosi sul alcuni squali. Questo stato non provoca alcun danno agli animali, ma anzi li pongono in uno stato di rilassamento generale.

Gli squali sono creature incredibili e feroci, che nascondono però un lato più “tenero”, ma rimangono comunque signori dei mari. O forse non più! Alla prossima puntata con Scienza & Gnorri.

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM GIADA

ENTRA NELLA COMMUNITY