Light & Shadows

Speciale “IN STALLA – AZIONE” |Arte libera per un libero spazio |Domenica 19 Luglio alla Cavallerizza Reale di Torino

0
Like

Oggi la mia rubrica “Light & Shadows” viene pubblicata in edizione speciale con un appuntamento dedicato all’evento “ IN STALLA – AZIONE” che avrà luogo domenica 19 luglio alla Cavallerizza Reale di Torino, a cura di Togaci Gaudiano ed Edoardo di Mauro.


Non dobbiamo lasciare che molti luoghi storici vengano abbandonati, svenduti, deturpati, perchè essi sono parte di noi, della nostra identità culturale e della nostra storia collettiva; dobbiamo impegnarci a ridare loro vita, a reinserirli nella nostra quotidianità


1

Quella del 19 luglio sarà una giornata all’insegna dell’arte come libera espressione, come forma di riscatto e possibilità di futuro per uno dei luoghi tra i più straordinari di Torino: “la Cavallerizza Reale”

Storia della Cavallerizza Reale di Torino

Situata in via Giuseppe Verdi, nel cuore di Torino, la Cavallerizza Reale è un luogo carico di storia e suggestione.

La Cavallerizza fu concepita come area dedicata all’attività equestre all’interno di quello che era il complesso dell’Accademia Reale, dove venivano educati e preparati alla vita militare i giovani rampolli dell’aristocrazia.

6
L’inizio della costruzione del complesso risale alla seconda metà del XVII secolo, epoca del secondo ampliamento di Torino verso il Po che dotò la città di numerose strutture culturali come teatri ed accademie.

Il progetto fu affidato ad alcuni tra i più importanti architetti della corte sabauda come Filippo Juvarra, Amedeo di Castellamonte e Benedetto Alfieri, ed è proprio a quest’ultimo che si devono le proporzioni auliche della Cavallerizza; egli, infatti, verso la metà del XVIII secolo, riprese il progetto incompiuto di Castellamonte e lo modificò per ottenere uno spazio di maggiori dimensioni.
La struttura che ospitava l’Accademia, nota fino al 1800 come Accademia dei Paggi, fu gravemente lesionata dai bombardamenti dell’estate del 1943; nel 1959 una parte di essa fu demolita per lasciare spazio all’attuale Teatro Regio di Carlo Mollino.

7
L’area e gli stabili un tempo adibiti a Cavallerizza sono invece sopravvissuti fino ai giorni nostri ed in epoca recente sono stati acquistati dal comune di Torino al Demanio.

Per diversi anni la Cavallerizza ha ospitato nei suoi spazi le attività del Teatro Stabile, formando con il Teatro Regio, la sede RAI e l’università un vero e proprio polo culturale.
Nel 1997, inoltre, l’intero complesso dell’Accademia, tra cui la Cavallerizza Reale, è stato dichiarato dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità in quanto parte del sito seriale UNESCO ” Le Residenze Sabaude”.

Il Destino della Cavallerizza Reale negli ultimi anni

A causa della recente crisi economica e della conseguente riduzione di fondi il Comune di Torino si è visto costretto a rinunciare al suo investimento e ha deciso così di optare per la svendita di questo straordinario gioiello architettonico a privati, interessati a trasformare la Cavallerizza in una serie di appartamenti di lusso o in un centro commerciale.

Nel mese di giugno dello scorso anno alcuni collettivi studenteschi e artistici, ma anche comuni cittadini in disaccordo con i provvedimenti dell’amministrazione hanno deciso di occupare questo monumento, allo scopo di salvarlo dalla privatizzazione e dalle sue conseguenze, perchè possa rimanere uno spazio fruibile a tutti magari dedicato alla cultura, in una città come Torino dove la carenza di luoghi pubblici destinati alla promozione culturale sta diventando ormai un disagio tangibile

3

IN STALLA – AZIONE |Arte libera per uno spazio libero

Domenica 19 luglio 2015, Assemblea Cavallerizza 14:45  e Collettivo Arterie presentano: “IN STALLA – AZIONE” a cura di Togaci Gaudiano ed Edoardo di Mauro.


La Cavallerizza è per tutti


4

Questo evento, che vede come soggetto principale l’arte nelle sue varie espressioni (Live Painting, Installazione e musica), si propone come un progetto atto a rimodellare uno spazio attraverso la creazione di una dimensione artistica libera da ogni vincolo, nella quale ognuno possa essere protagonista attivo o passivo, creatore o fruitore di un’espressione alternativa in cui si utilizza l’arte come forma di comunicazione, aggregazione e riflessione, ma anche e soprattutto come figura simbolica capace di esorcizzare la realtà e la sorte, al fine di ridare vita a questa meravigliosa struttura e di riportarla, anche solo per un giorno, alla sua funzione originaria di “luogo di formazione”, non più militare ma culturale, grazie alla creazione di uno spazio concettuale di libera espressione artistica.
La Cavallerizza come spazio aperto e dinamico quindi, come luogo di passaggio, sviluppo e contaminazione di idee diverse tra loro, ma unite insieme dal bisogno comune di libertà di espressione in un libero spazio; è questo l’obiettivo di “In Stalla -Azione” che vedrà coinvolti domenica, dalle 18.30 alle 24.00, numerosi artisti e musicisti che animeranno, con la loro vivacità di idee, gli spazi della Cavallerizza Reale, avvalendosi di uno stile atto ad analizzare e comprendere le problematiche contemporanee di cui tutti siamo protagonisti.

Eleonora Gadducci

Per Maggiori informazioni sull’evento clicca qui!


A cura di : Eleonora Gadducci

Immagini : all Rosi Togaci Gaudiano

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM ELEONORA GADDUCCI

ENTRA NELLA COMMUNITY