Blueeco

Sognando l’isola che purtroppo c’è

Come recitava un popolare spot degli anni ’80:

Questa notte ho fatto un sogno straaaanissimo…

Stavo facendo ” immersione” in una piscina immensa in giardino, circondata da pesciolini tropicali buffi e divertenti….un posto surreale ma fantastico; i miei occhi incrociano lo sguardo vigile di ogni specie marina dalle tonalità più disparate e diversificate e fa da sfondo un limpido e profondo blu. Curiosando un po’ di là e un po’ di qua, inseguo uno strano pesce di colore verde fluorescente; mi allontano così tanto che l’abisso diventa sempre più misterioso, cupo e stretto. Al che mi rendo conto di essere finita in un tortuoso labirinto strutturato in tubature di plexiglass.

La mia radio cerebrale trasmette  un famoso ritornello:

…come in una discoteca labirinto grande e senza luci colorate lunga un centinaio di chilometri dalla quale non si possa uscire!

Presa dal panico sto per soffocare !

Accelero la nuotata per trovare il prima possibile una via di fuga. Dopo svariati tentativi, una luce magica mi guida verso un’uscita. Risalgo senza fiato a galla e mi ritrovo al largo del mare. La sorprendente scoperta è di essere accerchiata da un accumulo esagerato di spazzatura:

mi trovo presso la GRANDE ISOLA DI PLASTICA.

Come spesso accade , i sogni sono destinati ad infrangersi contro la realtà, perché al mio risveglio realizzo che il sogno è reale, l’isola di plastica  è l’isola che purtroppo c’è! Ubicata nel Pacifico, è una zona marina molto estesa; un concentrato di spazzatura grande per tre volte la Francia, contenente 80.000 tonnellate di accumulo di detriti plastici e frammenti di microplastica. Rappresenta un disastro ambientale i cui danni per l’ecosistema sono indecifrabili. La palese dimostrazione di “fallimento di un modello di sviluppo”. Lo stesso spot anni ’80 recitava :

Adesso esageriamo

E lo stiamo facendo sul serio! Ma non possiamo soccombere,  o lasciarci sopraffare subendone le conseguenze. Dobbiamo reagire. Questo perché non si può essere passeggeri di un treno che è qualcun altro a guidare. Non si può neanche tornare indietro e ricominciare in  altro modo; però ognuno può iniziare oggi e creare le basi per uno stile di vita rinnovato e consapevole,

Inquinando meno e consumando meno

Diversi sono i modi per farlo, ne elenco 10, proprio come i dieci comandamenti:

#1 Scegliere consapevolmente l’acquisto di prodotti, preferendo quelli senza imballaggio

#2 Risparmiare l’acqua

#3 Scambiare, riutilizzare, riciclare

#4 Limitare il consumo di carne ( non più di due volte a settimana)

#5 Non consumare cibo spazzatura

#6 Acquistare prodotti a km 0

#7 Non produrre rifiuti alimentari

#8 Differenziare i rifiuti

#9 Adottare illuminazioni a basso impatto e ad alta efficienza energetica

#10 Pulire la casa in modo ecologico ( una possibilità ce la dà Blueeco)

Se non troviamo soluzioni, facciamo sicuramente parte del problema!

MORE FROM ANTONELLA ALBERTI

ENTRA NELLA COMMUNITY

We use cookies to ensure that we give you the best experience. If you continue without changing your settings, we’ll assume that you are happy to receive cookies from our website. anytime by typing