Scienza & Gnorri

Sfatiamo 5 falsi miti sul corpo umano

0
Like

Buongiorno a tutti e benvenuti ad un nuovo appuntamento con Scienza & Gnorri. Ritorna oggi la rubrica dedicata ai falsi miti della scienza. Dopo una puntata incentrata sui falsi miti del cervello, un’altra sugli animali e infine sulla natura, dedichiamo l’articolo di oggi al credenze più comuni sul corpo umano. Buona scienza e buona lettura a tutti.

haircut-834280_12801. Tagliare spesso i capelli li fa crescere più velocemente.
Apriti Cielo: questa tesi piuttosto comune è stata confutata dal dottor Joel Schlessinger, dermatologo di fama internazionale, il quale afferma che i capelli crescono allo stesso ritmo per l’intero ciclo di vita, per poi cadere. Quindi in realtà tagliare i capelli non aumenta la crescita. Meglio informare subito il nostro parrucchiere!

2. La testa perde più calore del resto del corpo
Questo mito deriva da un manuale di sopravvivenza dell’esercito americano, datato 1970. La verità però è che la testa non disperde più calore di altre parti del nostro fisico: uscire senza cappello ci raffredda allo stesso modo che andare in giro senza pantaloni. Questa diceria deriva forse dal fatto che la testa, il volto e il torace sono più sensibili ai cambiamenti climatici, ma questo non significa che disperdano più calore!

tongue-822441_12803. I sapori dolci si sentono solo sulla punta della lingua
Da molti anni la scienza ha smentito questa credenza, anche se continua a persistere nell’immaginario comune: in realtà le papille gustative si trovano in numero uguale sulle varie parti della lingua, anche se sappiamo che alcune zone sono più sensibili a determinati gusti di altre. Questo però non vuol dire che la lingua è suddivisa in regioni ben distinte.

splatter-303569_12804. Il sangue venoso è blu perché scorre sangue de-ossigenato.
In realtà il sangue è sempre di colore rosso, con un differente livello di rossore tra sangue venoso ed arterioso. Il blu che vediamo attraverso la pelle deriva dal fatto che la luce blu viene riflessa dagli strati superficiali della pelle, mentre la luce rossa penetra più a fondo.

5. Gli esseri umani hanno cinque sensi
No, non parliamo di fantascienza. Anche se la storia e la cultura ci ha insegnato che esistono 5 sensi nel corpo umani (vista, udito, tatto, olfatto, gusto), in realtà i ricercatori hanno dimostrato che siamo in grado di usare almeno 9 sensi (questo numero può addirittura salire a 21. Ecco alcuni esempi di sensi: la percezione della temperatura attraverso la pelle; la coscienza del nostro corpo (cioè sapere dove si trova ogni parte del nostro corpo senza vederlo); la percezione del dolore (nella pelle, muscoli, organi, articolazioni, ecc); il senso dell’equilibrio e così via.

Se vi è piaciuto questo articolo, vi consiglio di leggere questo articolo sui falsi miti dell’evoluzione.
Anche per oggi abbiamo terminato. Alla prossima settimana con Scienza & Gnorri.

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM GIADA

ENTRA NELLA COMMUNITY