Notti Tragiche - Un Mondiale da Spettatori

Schadenfreude o come godo quando la Germania perde

0
Like

Nella lingua tedesca c’è una parola per tutto. Una delle mia preferite si dice addirittura che non esista, con le stesse accezioni, in nessun’altra lingua. Questa parola è “schadenfreude” e significa letteralmente “piacere provocato dalla sfortuna”. Sfortuna altrui, si intende. Si potrebbe pensare che i cinici e freddi tedeschi, coi loro filosofi pessimisti, non possano che pensarla così. Ricordiamoci però che anche noi abbiamo un proverbio che recita “mal comune, mezzo gaudio”. Nella vita si potrebbe pensare che questo concetto sia alquanto crudele, nel calcio ci risulta davvero più facile. Quasi naturale, direi.

Il palo di Darmian contro la Svezia è stato un brutto presagio di sventura.

Per farla breve, la Germania è stata umiliata e rispedita a casa dalla Corea del Sud, nazionale nemica giurata di molti italiani dopo il Mondiale del 2002. La Svezia, nostra carnefice, ha passato il turno in un girone molto ostico. E noi godiamo.

 

Godiamo soprattutto dopo che ci hanno deriso in seguito all’eliminazione contro la Svezia, sia i giornali sia alcuni calciatori (Ballack, che ora ha cancellato il tweet ma sì ci sono gli screenshot nel 2018, e quel simpaticone di Schweinsteiger) sia addirittura quel gufo del ct tedesco Löw. Insomma, la loro non è nient’altro che schadenfreude, ma chi di schadenfreude ferisce di schadenfreude perisce.

Non siamo gli unici a godere dell’eliminazione dei simpatici tedeschi, con caroselli fra messicani e svedesi fuori dallo stadio. Boati in sala stampa. Tutto bellissimo. Qui do seguito alcuni dei tweet presi un po’ casualmente. Tutti esempi perfetti di Schadenfreude. Saremo forse cinici, sarà troppo facile gioire per le disgrazie altrui, saremo poco sportivi. Però dai, a tutti è scappato un sorrisino, no? Anche a me, guardando la faccia del vecchietto a cui ho alzato il pollice l’altra sera, quando i tedeschi hanno vinto al 95simo :-)

E tu, hai sorriso almeno un po’? Tranquillo, la Schadenfreude non è un reato!

 

 

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM MICHELE GHEDIN

ENTRA NELLA COMMUNITY