Odio i ricci

(Ricevere) l’Amore fa paura?

0
Like

Ho conosciuto tante persone che non sanno dare amore. Per un periodo, anche io ho fatto parte di questa categoria. Ma non mi era mai successo di conoscere una persona che l’amore non lo sa proprio ricevere. Ammetto che la cosa, da buona crocerossina, mi ha affascinato moltissimo. Un giorno apri la porta, esci e ti capita di incontrare una specie di adulto bambino, uno di quelli che quando ti parla dondola e tiene le mani dietro alla schiena per non fare un movimento sbagliato. Uno di quelli che ha paura di guardarti negli occhi e spesso balbetta. Pensi che sia tenero, quasi sfigato. Ma poi lo guardi tu negli occhi, anche se lui continua a sfuggire. E lo guardi, lo riguardi e lo guardi ancora. E capisci che qualcosa c’è. Qualcosa, lì dentro, c’è. E allora provi a conoscerlo e scopri che avevi ragione. Lui, solo per il fatto che gli hai dato una possibilità, vede in te un miracolo. E inizia a farti sentire il centro del suo mondo. E quando dico centro, dico centro. Esisti solo tu. Ti manda un messaggio al minuto. Il fogliettino che girava quando ero elementari io, “Vuoi fidanzarti con me?” e le caselline con “Si” o “No” da sbarrare, in confronto al linguaggio che utilizza lui, era una cosa da adulti. Uno così, è roba da chiacchiere con le amiche al bar dove, tra un mojito e l’altro, le risate non basterebbero mai. Uno così, sfinirebbe chiunque. Ma non me. Non me che ho sempre messo davanti ad ogni cosa ridicola che ha fatto, i suoi occhi. L’anima bella che ci vedevo. E allora un po’ mi affeziono. E ho così tanta paura di ferirlo, che piuttosto che dire la cosa sbagliata, non dico niente. Ad ogni suo delirio ci sono. Non sparisco mai, a nessuna ora del giorno e della notte. Ho paura di ferire una persona che si capisce che nella vita è già stata ferita troppe volte. E nei suoi deliri mi dice tante cose, mi fa sentire in colpa di continuo perché non ci sono nel modo in cui vorrebbe lui. Urla il suo bisogno d’amore. Lo urla con tutta la sua forza. E io provo a mettermi nei suoi panni. La leggerezza che è dentro di me sparisce e mi fa dire “E se avesse ragione?”. Respiro profondamente. Ci penso e ci ripenso.  E decido di dargli una possibilità. E una possibilità per me vuol dire viversi senza ossessionarsi. Alla pari. Tenendosi per mano. Ascoltandosi. Provando a guidare alla stessa velocità. Penso che se lo meriti. Sì, se lo merita anche se ha provato a distruggere tutte le mie certezze senza alcuna forma di rispetto. E allora provo a dirglielo. Forse, l’amore che ha chiesto urlando disperato, c’è.

E lui… scappa.

gushmag

Senza dire niente. Lui, l’amore non lo sa ricevere. Non vuole riceverlo. Dove c’è l’amore, non può esserci lui. Lo voleva con tutte le sue forze, si è messo in ridicolo per convincermi che lo meritava. E poi, la paura. Sinceramente non credo saremmo andati molto lontano. Scappando mi ha salvato la vita, ne sono consapevole. Ma anche se fosse stato per un piccolo, piccolissimo lasso di tempo, volevo darglielo quell’amore. Con semplicità e verità. Come tutte le persone si meriterebbero di essere amate. Ma lui evidentemente crede di non meritare niente. Purtroppo certe cose ce le hai dentro, certi traumi fanno parte di un percorso difficile che a volte accompagna persone come lui fin da bambini. Ma non voglio fare analisi psicologiche, non mi interessa. Sono certa però, che molte persone che hanno paura di essere amate, leggeranno questo articolo e voglio solo invitarle a riflettere. Voi siete fragili, non rendete fragili le persone che incontrate solo per sentirvi più forti. Buttatevi nelle cose solo se ci credete. Non lo urlate con tutta questa forza il vostro bisogno d’amore se poi dell’amore non sapete cosa farvene. Le emozioni vanno urlate a squarciagola quando esistono, non per mettere alla prova gli altri. E non potete poi pensare di sparire come se nulla fosse, perché magari qualcuno vi aveva creduto. E se una persona vi ha ascoltato, va ascoltata, si chiama rispetto. Lo so che vi sentite dei perdenti e pensate di non meritare niente e di non essere in grado di dare niente, ma qualcuno può decidere di darvi una possibilità comunque. E amore non è per forza matrimonio, figli e una casa con il camino. Esistono tanti tipi di amore. Nel muro che avete costruito, lasciate una piccola crepa, qualcosa di buono potrebbe entrare.

“A questo mondo vi sono solo due tragedie: una è non ottenere ciò che si vuole, l’altra è ottenerlo. Questa seconda è la peggiore, la vera tragedia” OSCAR WILDE

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM NADIA VENTURINI

ENTRA NELLA COMMUNITY