Winestesia

PIETRO DEL VAGLIO E I SUOI STRAORDINARI DESIGN IN COPERTINA SUL MENSILE AD

0
Like

 

Pietro Del Vaglio è inarrestabile. L’interior designer, di fama internazionale, definito poeta dell’abitare, è soprattutto un punto di riferimento anche per la stampa di settore in fatto di arredo d’interno. Ed è in copertina su AD di giugno con una dimora sita a Chiaia, uno dei quartieri più  IN di Napoli. Così racconta AD: <<Napoli, Chiaia, oggi il quartiere chic della metropoli partenopea. La casa di questa storia sta qui, in un palazzo del primo 900, orgogliosa presenza in un fitto tessuto urbano che amalgama, non senza qualche stridore, edifici dal 500 ad oggi. Siamo in piena “napoletanità” dunque, magari non quella, popolaresca e un po’ oleografica, legata alle scene di genere di certa pittura ottocentesca o di certa cinematografia. Una più alta, più signorile. “Ma pur sempre di napoletanità si tratta” interloquisce Pietro Del Vaglio  il progettista che della dimora ha ideato e curato la radicale trasformazione, Montese, di Monte di Procida cioè, quindi a un passo da qua, questo sentimento ineffabile lo conosce bene. Continua: La prima volta che ho visto l’area e l’edificio ho pensato proprio a questo, volevo che, cancellato il suo anodino passato, la casa esprimesse Napoli, lo spirito di Napoli, la gioia di vivere, la solarità, i colori, l’eclettismo e pure una certa drammaticità. Ma come? Lo stile che va per la maggiore da queste parti, un ossimorico minimal-barocco, si è fatto ormai maniera e Del Vaglio la maniera e la sua ancella, la moda, le ha sempre tenute a distanza. Predilige la reinterpretazione anche ironica del genius loci, la contaminazione piena con ispirazioni allogene, l’invenzione, la pulsione scenografica, lui che come decoratore, nel senso anglosassone del termine, è nato al Teatro San Carlo>>.
E così Del Vaglio ha immaginato questa casa come una storia, << un racconto rapsodico>>, lo definisce.
Un fil rouge unisce sottilmente gli ambienti differenti.
Attenzione ai dettagli ed eleganza. Una creazione targata Del Vaglio, completamente Made in Naples, dall’anima napoletana.
E si spiega bene su AD: <<Spiega Del Vaglio “Per dare fluidità ai percorsi abbiamo demolito anche muri portanti e pertanto si è resa necessaria l’adozione di cerchiature di rinforzo su setti e pilastri, soprattutto nell’ingresso dove tale intervento è stato “vestito” con un monoblocco di marmo nero da leggersi come elemento decorativo. Cosi siamo riusciti a creare una continuità circolare tra soggiorno, studio, zona pranzo, cucina e un piccolo servizio ad usum degli ospiti, dando un respiro unitario a locali esteticamente diversi», A questa sensazione di diversificata unitarietà che la casa comunica contribuiscono anche la scelta di pochi materiali per i pavimenti (perlopiù legno) e la teatrale soluzione dell’impianto di climatizzazione che Del Vaglio ha dissimulato nel soffitto mascherando le bocchette di erogazione dell’aria con delle minigriglie in stile magrebino o con sculture “pensili” secondo un unico, divertito spartito stilistico. Un ruolo importante in questo gioco hanno anche l’arredamento e gli arredi che la proprietaria ha voluto portare dal suo precedente appartamento e che del resto sono dei classici del design. La sala da pranzo, per esempio, è improntata al surrealismo di Carlo Mollin, suo il tavolo che trova riscontro nelle sedie vintage e nei contenitori neri immaginati da Del Vaglio come plinti classici, tant’è che sorreggono sculture di vario tipo. Più soft il soggiorno, con imbottiti di Flexform e Fritz Hansen, e l’ingresso con un bellissimo pezzo di Carlo Bugatti. Ad accompagnare questa temperie stilistica, anzi a stimolarla, sono le opere che Pietro Del Vaglio ha impaginato con sagacia istituendo sottili parallelismi tra esse, gli arredi, il sentimento dell’ambiente e quella “napoletanità evocata all’inizio. Per esempio, sopra la testata del letto padronale Ipanema di Poliform l’installazione di Del Vaglio L’arte di arrangiarsi, costituita da cordicelle policrome intrecciate a parete, o, in soggiorno, OGM di Del Simone Chiorri: il ritratto dei proprietari, eseguito sulla falsariga di quello dei duchi di Montefeltro di Piero della Francesca>> E a Napoli si ritorna con il lavoro Naples di Del Vaglio tre vedute aeree del Golfo più famoso del mondo così sovrapposte per alludere alla stratificazione geologica e culturale della città>>
Lo splendido reportage di più pagine è illustrato con gli scatti fantastici di Giorgio Baroni, una garanzia.

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM ANNALISA ACCARDI

ENTRA NELLA COMMUNITY