SONO UNA SCHIAVA D’AMORE

Love

Perché non ne posso fare a meno, perché io senza amore non vivo.


Perché riesco pure ad immaginarmelo, perché vivo ogni situazione all’estremo, perché sono passionale e costantemente irrequieta. Sono fatta così. Mi costa tanta fatica vivere così: alti e bassi, spesso, spessissimo; attimi di euforia seguiti da vortici di malinconia. Posso emozionarmi per un cielo stellato, per il rumore del vento che smuove i fili d’erba, per il calore di un raggio di sole sulle guance; sono ipersensibile ad ogni sensazione, quando me lo concedo. E quando non me lo concedo provo a vivere con leggerezza, cercando di farmi scivolare addosso ciò che mi circonda. Ovviamente non ci riesco quasi mai, o forse proprio mai.

Spesso idealizzo le persone, il che è una pessima idea, e peggio ancora idealizzo i sentimenti che quella persona mi infonde. Quando vuoi l’amore, sopra ogni cosa, potresti essere in grado di trovarlo ad ogni angolo. Cedo immediatamente a qualsiasi vibrazione di emozione, mi ci crogiolo, la amplifico e la elevo ma ciò che sbaglio è che la plasmo. La vivo come vorrei che fosse e non per quello che è realmente e questo non può portare ad altro che dolore, delusione, rabbia.


Ho capito che sbaglio, che ho sempre sbagliato. Perché ho sempre cercato amore altrove, lontano da me e non ho nemmeno mai provato a cercare anche solo un briciolo d’amore PER me. È difficile amarsi perché è impossibile nascondersi da se stessi. Con l’altra persona puoi fingere di non vedere alcuni difetti, puoi chiudere un occhio, scendere a compromessi. Come posso fingere con me stessa? Come fare a guardarsi allo specchio e fingere di non notare ogni minimo difetto estetico, ad esempio? E bene, mi sono rotta le palle di essere sempre così dura con me stessa, di non regalarmi mai una gratificazione, di cercare di buttarmi giù ad ogni minimo passo falso: è sbagliato! Errare humanum est, dicevano. Se non avessi fatto tutti quegli errori ora non sarei dove sono e sono fiera di me per dove sono. Posso migliorare? Assolutamente sì, ma nel tragitto verso la perfezione non posso flaggellarmi per ogni minimo scivolone.

love urself


Voglio vivere, ridere, viaggiare, scoprire, scrivere, leggere e soprattutto AMARE. Imparare ad amare me stessa, il mio corpo, la mia anima e la mia mente, i miei occhi che cambiano colore col tempo, i miei piedi che trovo sistematicamente brutti ogni volta che li guardo, la mia schiena storta e i miei capelli perennemente arruffati. Me lo merito. Ce lo meritiamo tutti. Perché tanto qualcuno che ci giudica e ci butta giù lo possiamo trovare tranquillamente ogni giorno, ogni ora, ogni minuto, pertanto lascerò agli altri quest’infausto compito perché d’ora in poi ho intenzione di concentrarmi solo su di me. Non sarà facile, soprattutto per una persona come me che ben poco si è presa cura di sé negli anni, ma la consapevolezza non è il primo passo verso la guarigione? Sbaglierò, eccome se lo farò, cento, mille volte ancora, e allora?

Continuerò a sorridere, mi rialzerò, per l’ennesima volta e riprenderò il passo
finché un giorno mi guarderò allo specchio e sarò in grado di dirmi: Ti amo.

MORE FROM ARIANNA GIANNINI

ENTRA NELLA COMMUNITY

We use cookies to ensure that we give you the best experience. If you continue without changing your settings, we’ll assume that you are happy to receive cookies from our website. anytime by typing