Arte in pillole

Ode alla Bicicletta: una passione che diventa Museo

Se qualcuno mi chiede il mio concetto di libertà, nella mia mente si materializza una bicicletta. Come mi sento libera e indipendente (dai pensieri, dalle preoccupazioni…) sulle mie due ruote, non mi sono sentita mai.

Non fatemi vivere un solo giorno della mia vita senza bicicletta! Soprattutto dopo questi due mesi in cui, poverina, è dovuta rimanere chiusa in garage perché purtroppo la macchina per le lunghe distanze è più comoda.

Insomma, Santa Bicicletta, tu ci fai provare l’ebbrezza del vento tra i capelli, delle gocce di pioggia in faccia, del sole caldo che ti scalda le braccia, sin da piccoli… e poi come un innamoramento: se la passione si coltiva si trasformerà in amore, e a quel punto sarà difficile separarsi.

frasebici

Ma ora, ciclisti, velocisti, appassionati di due ruote non a motore, a me gli occhi, a me l’attenzione!
Volete celebrare il vostro ventesimo anniversario con la vostra bicicletta? Volete passare un pomeriggio diverso? Vi porto alla scoperta di un museo insolito:

A Cesiomaggiore, in provincia di Belluno, si trova il piccolo Museo Storico della Bicicletta, nato nel 1997 ed intitolato alla memoria di Toni Bevilacqua, campione del mondo dell’inseguimento nel 1950-1951.

La passione di Sergio Sanvido, ex ciclista, dapprima divenne una piccola collezione privata di pezzi unici da tutto il mondo, e alla fine degli anni Novanta, venne donata al Comune di Cesiomaggiore che ne istituì un sito museografico.

Il Museo fa parte del “Club Italia Musei Ciclismo” ed è considerato uno dei più completi d’Italia: 170 bici esposte, dalla bicicletta per bambini a quella da lavoro, dalla bici da guerra a quella da competizione.

MUSEO_BICILETTA

museo_della_biciclettacesiomaggiore

Il modello più antico è un celerifero del 1791, mentre tra i più moderni ci sono le bici leggendarie di Coppi e Bartali, Moser, Saronni e Pantani. C’è poi tutta una sezione dedicata agli accessori: fanali, selle, cimeli, fotografie, tutto ad onorare la storia della bicicletta.

Celerifero del 1791

Celerifero del 1791

 

Bicicletta di Fausto Coppi

Bicicletta di Fausto Coppi

Nella cornice del “paese del ciclismo” avrete la possibilità di visitare il museo il mercoledì pomeriggio dalle 16 alle 19 (in inverno dalle 15 alle 18); sabato e domenica dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 19 (in inverno varia l’orario pomeridiano dalle 15 alle 18)

A prezzo contenuto, per gli adulti Euro 2.00 e per i ragazzi (8-14 anni) Euro 1.00, con la possibilità di prenotare delle visite guidate.

Non vi resta, quindi, che partire alla volta di questo piccolo ma curiosissimo museo, fatto su misura per grandi e piccoli appassionati!!

 

(E quando ne avrete l’occasione, abbracciate la vostra bicicletta: voi non lo sapete, ma ogni volta sopporta le vostre lamentele e le vostre gioie, i vostri pesi e i vostri sorrisi!)

20369478_732334330301160_1471939630409097567_o

Immagini prese dal web

MORE FROM CRISTINA ANTIGO

ENTRA NELLA COMMUNITY

We use cookies to ensure that we give you the best experience. If you continue without changing your settings, we’ll assume that you are happy to receive cookies from our website. anytime by typing