Scienza & Gnorri

Novità dalla scienza

0
Like

Buongiorno a tutti e benvenuti a questa nuova puntata di Scienza & Gnorri. Diamo una piccola occhiata a cosa la scienza e le nuove tecnologie ci riserveranno per il futuro. Buona scienza e buona lettura a tutti.

Novità dalla Scienza - L'adesivo ispirato si Gechi

Novità dalla Scienza – L’adesivo ispirato si Gechi

Appendere le cose con il nuovo Geckstick Al Crosby

Sono diversi anni che gli scienziati tentano di riprodurre il sistema di adesione dei gechi, considerato uno dei più efficaci del regno animali. Una recente scoperta, grazie anche al lavoro di Alfred Crosby, ingegnere alla University of Massachusetts, ha rivelato finalmente che l’adesività dei gechi non è dovuto solo ai peli presenti sulle zampe, ma anche ai fortissimi tendini che permettono all’animale di rimanere appeso anche a testa in giù. È quindi questa perfetta simbiosi tra peli adesivi e tendini super resistenti che ha ispirato Alfred Crosby nel realizzare il Geckstick. Il modo di ricrearlo è abbastanza semplice e consiste nel versare un mix di gomme sintetiche su uno stampo, ottenendo così un cuscinetto, proprio come i peli del Geco; poi viene aggiunto un tessuto rigido e resistente che imita il lavoro dei tendini. Questo tessuto rigido è composto da fibra di carbonio o da kevlar. Le prestazioni sono decisamente notevoli e chissà, magari un giorno potremmo appendere la nostra macchina al muro!

Novità dalla Scienza - Il tessuto/batteria, Powerfelt

Novità dalla Scienza – Il tessuto/batteria, Powerfelt

Il prossimo salto nella tecnologia degli abiti da indossare è il Powerfelt, un tessuto energetico composto da nanotubi di carboni: sono lamine di atomi di carbonio unite a formare una nuova lamina sottile, unione ottenuta tramite la chimica. Il risultato è un superconduttore 100 volte più potente del rame. Rende questo nuovo tessuto una batteria indossabile. La fonte di energia è il calore del nostro corpo. Le applicazioni sono infinite: immaginate di applicare questi tessuti in feltro ai sedili di un aereo; il solo stare seduti potrebbe essere in grado di fornire abbastanza energia per tutti i dispositivi elettronici di intrattenimento all’interno dell’aereo. È possibile applicarlo anche agli abiti di uso comune, rendendo plausibile la possibilità di ricaricare il nostro smartphone attaccandolo alla maglietta.

La prossima innovazione tecnologica farebbe invidia a Frankestein: si chiama transgenesi ragno-capra ed è stata realizzata da Randy Lewis, docente di genetica presso lo Utah State University. Perché combinare un ragno una capra? Perché tale combinazione di geni crea un animale in grado di produrre seta dal latte di capra.

Novità dalla Scienza - La capra-ragno che produce latte di seta

Novità dalla Scienza – L’adesivo capra-ragno che produce latte di seta

Gli utilizzi di questo tipo di materiale sono i più svariati: andiamo dalle corde per arrampicata, alle corde per paracadutisti ed infine anche a pezzi di ricambio per tendini e legamenti umani. Se questa tecnologia verrà sviluppata in modo efficacie, potremmo avere pezzi di ricambio di tendini e legamenti, a partire da setta molto flessibile ed estremamente resistente, più degli originali. Randy Lewis stima l’inizio dell’utilizzo in ambito medico, per la produzione di ricambi per esseri umani in circa 7 anni. Diventeremo tanti piccoli spiderman.

Con questo abbiamo terminato questa puntata di Scienza & Gnorri. Alla prossima a settimana!

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM GIADA

ENTRA NELLA COMMUNITY