Put your hands APP

NO PASSWORD, NO SMARTPHONE

0
Like

Finalmente una soluzione per tenere “in cassaforte” tutti i nostri dati e file che abbiamo sul telefono. Un vero e proprio scudo contro amici curiosi; genitori invadenti o figli birichini. Sto parlando dell’app APPLOCK. Appena installata, il programma ti domanda già una prima password e un indirizzo e-mail in caso di amnesie.

untitled

fonte: play.google.com

Il bello di quest’applicazione è che l’utente può bloccare gli sms, la rubrica, Gmail, Facebook, la galleria di foto, le impostazioni, le chiamate, ecc. mettendo un codice di sicurezza, una sorta di pin protettivo. Quindi la sua funzione va al di là del semplice blocco-tastiera. In questo modo, la vita privata è al sicuro e si evitano manomissioni di qualsiasi genere. Ebbene, uno potrebbe fare il furbo e riuscire lo stesso a spiare il contenuto del cellulare di un’altra persona. Basterebbe disinstallare l’app. Tranquilli, si può persino prevedere di mascherare l’icona applock per evitare tutto ciò!

Non c’è solo l’opzione per mettere una password qua e là, ma anche quella per nascondere certi file, certe foto o certe conversazioni. Insomma, per gestire quest’app bisogna essere 007! Bisogna essere anche un po’ Indiana Jones, cioè essere un ricercatore, amare il rischio e non aver paura di provare nuove funzioni come quella di mettere un blocco ad ore; oppure quella di attivare il riconoscimento delle impronte digitali; o addirittura quella di nascondere i propri documenti solo quando ci si connette a una certe rete Wifi. Infine, sarebbe meglio assomigliare anche ad Eistein e avere una mente matematica e una buona memoria per ricordarsi cosa si è nascosto e dove. “Nulla si crea, nulla si distrugge”, quindi anche se avete messo in sicurezza i vostri file da qualche parte, l’importante è saperli ritrovare in poco tempo.

Gli utilizzatori danno 4,4 stelline su 5 perché alcuni non hanno più saputo disinstallare il programma, altri hanno dimenticato le password…

Non so se avrete voglia di vivere una vita in gabbia. Secondo me, fate prima a tenere il cellulare sempre con voi, invece di lasciarlo chissà dove o di imprestarlo a chi non è leale. Un’altra soluzione è quella di mettere ben in chiaro con i vostri familiari e conoscenti che non è corretto usare un telefono che non li appartiene. Bisogna solo sapersi far valere!

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM ELENA CIAPPINA

ENTRA NELLA COMMUNITY