Arte in pillole

Musei d’impresa: dialogo tra passato, presente e futuro!

Si sente sempre più spesso parlare di musei d’impresa, delle istituzioni che negli ultimi anni sono aumentate anche grazie al lavoro di squadra per promuovere il ruolo culturale e sociale delle imprese.
A me piace pensare che la cultura comincia ad essere considerata anche nel mondo imprenditoriale, come risorsa e non più solo come “pianeta a parte”.

Una macchina per comunicare

Per quanto sfuggano ad una definizione univoca (perché possono essere analizzati dal punto di vista artistico, economico, del marketing, museologico o sociale), prima di tutto i musei d’impresa sono musei e come tali devono soddisfare alcune caratteristiche.

Il museo, secondo l’ICOM (International Council of Museums) è

Un’istituzione permanente senza scopo di lucro, al servizio della società e del suo sviluppo, aperta al pubblico, che effettua ricerche sulle testimonianze materiali e immateriali dell’uomo e del suo ambiente, le acquisisce, le conserva, le comunica e specificamente le espone per scopi di studio, istruzione e diletto.

  • Per funzionare al meglio e per mantenersi nel tempo, ha la necessità di uno spazio per poter vivere e integrarsi con il territorio in cui cresce.
  • Ha lo scopo di arricchire le persone: non in soldi ma in cultura! Infatti è senza scopo di lucro e al servizio della società e del suo sviluppo.
  • Senza persone il museo non esiste! O meglio, quello che avremmo di fronte non sarebbe un museo! Si parla sempre più di interattività e coinvolgimento del pubblico, ma solo se la struttura è fruibile adempie davvero a tutti i suoi compiti.
  • Ha un ruolo sociale: quello di acquisire testimonianze materiali e immateriali per fornire all’uomo strumenti per conoscere, capire e inserirsi meglio nell’ambiente in cui vive. Ma non solo, oltre a ricercare e acquisire, il museo ha il compito di conservare gli oggetti, anche quelli che decide di non esporre e attraverso la comunicazione, racconta il corso della storia di cui si è fatto ricerca.
  • Si espone per uno scopo di studio educativo: non solo istruttivo ma anche per diletto, cercando di puntare sulla curiosità e sulle emozioni, fondamentali per attivare processi di conoscenza e suscitare interesse.

 

Non sono “cimiteri dei ricordi”

I musei aziendali si sono diffusi in tutta Europa negli ultimi venti anni. In Italia il fenomeno è stato più lento e contenuto ma ora, anche grazie all’associazione Museimpresa, dal 2001 la loro valorizzazione e diffusione si sta facendo più rapida.

Valorizzare è il loro mantra, per riconoscere le qualità delle esperienze di impresa come parte importante del patrimonio culturale e storico, ovvero la storia dell’uomo, dell’ingegno, della creatività, dello studio che si è sviluppato attorno al prodotto.

Perché fondare un museo d’impresa?

  • Per dare valore al marchio del prodotto e aumentarne così la reputazione e la credibilità;
  • Per aumentare la responsabilità sociale d’impresa;
  • Per sottolineare i valori e i legami con il territorio, diventandone valore aggiunto e risorsa per il turismo locale.

I musei d’impresa, quindi, non sono “cimiteri dei ricordi”: rappresentando un luogo di riflessione, raccoglimento e formazione, danno modo di tenere vivo il “saper fare” dell’azienda, trasmettendolo anche agli stessi dipendenti! Per questo motivo, celebrare il passato, diventa motivo per capire il presente e pensare al futuro!

MORE FROM CRISTINA ANTIGO

ENTRA NELLA COMMUNITY

We use cookies to ensure that we give you the best experience. If you continue without changing your settings, we’ll assume that you are happy to receive cookies from our website. anytime by typing