Scienza & Gnorri

Medicina e regno animale – Vol. 1

0
Like

Buongiorno a tutti e benvenuti ad una nuova puntata di Scienza & Gnorri. Oggi affronteremo il tema della medicina moderna, valutando quali soluzioni ci arrivano dal regno animale. Buona scienza e buona lettura a tutti con Medicina e regno animale.

In una scorsa puntata (Quando il futuro della medicina è nei veleni) avevamo visto alcuni esempi di applicazione di sostanze velenifere in contesti medici. Oggi vedremo come medicina e regno animale viaggino a braccetto.

Medicina e regno animale - Anemoni di mare

Medicina e regno animale – Anemoni di mare

Anemoni di mare contro sclerosi multipla, artrite reumatoide, psoriasi, lupus.
I tentacoli dell’anemone Stichodactyla helianthus è dotata di cellule urticanti, che iniettano il veleno nelle vittime. Già in fase sperimentale è il farmaco dalazatide, derivato proprio dai peptidi di veleno dell’anemone. Questo farmaco sembra monto promettente per curare le malattie autoimmuni. Lo studio è stato portato avanti dalla società biotech Kineta, in collaborazione con lo Seattle Children’s Research Institute. Il problema degli attuali farmaci è che tutto il sistema immunitario viene soppresso. Il farmaco invece sopprime selettivamente le cellule per l’immunità che vanno fuori controllo.

Medicina e regno animale - Mostro di Gila

Medicina e regno animale – Mostro di Gila

Lucertole contro il diabete
Oggetto di studi il mostro di Gila, la lucertola più grande degli USA, dotata di saliva velenosa. Gli studiosi hanno scoperto che un componente di questo veleno è in grado di imitare l’attività di un ormone umano. Quando il livello di glucosio si alza nel sangue, l’ormone rilascia l’insulina. Il nome del farmaco è exenatide, iniettabile come un qualsiasi altro farmaco per il diabete. Questo farmaco aiuta i pazienti a mantenere stabili i livelli di glucosio e anche a perdere peso. Il farmaco è prodotto dalla Amylin Pharmaceuticals

Medicina e regno animale - Lumache di mare

Medicina e regno animale – Lumache di mare

Lumache cono contro Alzheimer, schizofrenia, cancro al polmone, dolore cronico, morbo di Parkinson
Originario degli oceani Pacifico e Indiano, queste creature secernono tossine già sperimentate efficacemente come analgesici. Sul mercato infatti è già presente lo ziconotide, farmaco molto efficace contro il dolore cronico, se viene iniettato direttamente nel liquido spinale. Scienziati dell’Università dello Utah stanno invece studiando un’altra tossina di lumaca di mare in grado di agire sui recettori nicotinici celebrali. Essi sono coinvolti principalmente nella dipendenza da tabacco, ma potrebbero avere un ruolo fondamentale per la cura dell’Alzheimer, della schizofrenia, del cancro al polmone e del morbo di Parkinson. Esistono numerose specie di Lumache di Mare, ciascuna delle quali produce il proprio specifico veleno. È lecito quindi supporre che esistano diverse tossine su cui lavorare.

Nella prossima puntata di Medicina e regno animale vedremo serpenti, api e vespe, ragni, scorpioni e millepiedi hanno da offrire alla medicina. Alla prossima settimana con Scienza & Gnorri.

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM GIADA

ENTRA NELLA COMMUNITY