Bibliobibuli

“Magari domani resto” di Lorenzo Marone

0
Like

#voglioesserecomeLuce
#coraggiosamenteantipatica

Leggere il libro di Lorenzo Marone è come affacciarsi da un balconcino di una palazzina dei Quartieri Spagnoli. In un vicolo stretto con poca possibilità di vedere il sole, osservi ciò che ti circonda, i rumori, gli odori, i panni stesi, il via vai della gente del quartiere, i motorini e poi alzando gli occhi al cielo sentirsi parte di una realtà in cui il coraggio e la “voglia d’allucca’” sono gli ingredienti principali per affrontare la vita.

Non aver paura di dire apertamente ciò che si sente, ciò che si prova, non nascondersi dietro maschere ma alla luce del sole essere sempre e comunque se stessi. Lorenzo Marone è capace di puntare una lente di ingrandimento su particolari unici, preziosi e importanti di Napoli. Non solo carte sporche, disoccupazione, camorra e tinte negative, ne siamo fin troppo consapevoli e non lo neghiamo. Napoli è mille tinte e sfumature, è voglia di rinascita, è voglia di gridare “Io non ci sto più così”, è voglia di cambiamento, è voglia di ritagliare uno spazio anche piccolo in una realtà sii difficile e contraddittoria ma pur sempre… la nostra realtà, quella in cui siamo nati, cresciuti e in cui vogliamo avere sempre, sia pur con difficoltà e qualche amarezza… un posto al sole. E sì…

Poter dire con fierezza “Magari domani resto”.

17022334_1833162796956751_5433034036536372008_n

È la storia di Luce Di Notte, avvocato, vive nei Quartieri Spagnoli, un vero maschiaccio quasi ad aver paura di mostrare la sua femminilità. Vive con il suo cane Superiore, Alleria, un vicino di casa Vittorio un anziano su una sedia a rotelle, con cui condivide il pranzo e la cena e le regala con saggezza e semplicità le sue massime filosofiche che toccano al momento giusto le corde dell’ anima di Luce. Luce tra presente e passato, un lavoro che non la soddisfa ma grazie al quale conoscerà un bambino speciale di nome Kevin, un papà che non c’è più e in perenne conflitto con la mamma troppo chiusa nel suo mondo di sacrifici e delusioni.

#coraggiosamenteantipatica e fragile con tutto quello che riguarda il cuore, i sentimenti e le emozioni. E poi vuoti…silenzi che inevitabilmente urlano di essere riempiti di libertà e allegria. C’ è musica tra le righe del romanzo, ironia e leggerezza disarmante, c’ è amore, amicizia e fiducia…e una nonna Giuseppina con un cuore grande.

C’è tanto da riflettere, c è tanto da assorbire e tanto da mettere in “Luce. Luce piccola grande femmina. Vi invito a scoprire un bellissimo romanzo che ha toccato fortemente le corde della mia anima.”

Devi cambiare d’animo, non di cielo

Non partite solo per fuggire e non restate solo perché non avete il coraggio di prendere nuove strade. Siate sempre aperti ai cambiamenti, scegliete un obiettivo e puntatelo, però sappiate che se po’ semp’ falli’, che ca nisciuno è perfetto. E non smettete mai di essere curiosi , pecche’ a curiosità e’ na forma e coraggio

Complimenti e Buona lettura!


Ilaria Grossi

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM ILARIA GROSSI

ENTRA NELLA COMMUNITY