Fuori c'è il sole, dentro dipende da te

Ma a Natale siamo veramente “tutti più buoni”?

0
Like

Ci sto riflettendo adesso, su questa cosa del Natale e della bontà.
Sinceramente non so bene quale sia la mia posizione a riguardo. Nel senso, forse potrebbe essere vero. Forse tutte quelle lucine, tutte quelle decorazioni e tutte quelle vetrine illuminate, ci riscaldano veramente un po’ il cuore, colmano un po’ i nostri vuoti. Come se tutta la sovrabbondanza messa in bella mostra ci facesse sentire meno soli.
Poi, però, penso che potrebbe essere il contrario. Penso che tutto lo sfarzo e l’esaltazione di un periodo dell’anno, ci possa far sentire ancora più soli e vulnerabili, più piccoli e incompleti. E, di conseguenza, più scontrosi e burberi, per non essere tra i fortunati che a Natale sentono di avere tutto.
Io del Natale amo soprattutto i sorrisi degli altri. Vai in giro e ne vedi molti. Mi piace osservare ed immaginare la provenienza di quei sorrisi, la loro causa prima. Che possa per il Natale, o meno. Fatto sta che con tutta l’illuminazione che ci circonda, riusciamo a vederli meglio, a cogliere un dettaglio spesso ignorato.
Del Natale mi piace quel ‘pezzettino’ di tempo che viene ritagliato per andare a fare un ‘pensierino’, come si dice. Perché, l’importante non è veramente la spesa fatta, ma il tempo che si è speso. Diciamo spesso di non averne di tempo, di essere totalmente indaffarati, ed il miracolo, il vero ‘Babbo Natale’, sta proprio lì, nella volontà di trovare un pezzettino di tempo da dedicare a qualcuno.
Ecco, io per Natale vorrei un pezzetto di tempo.
Da dedicare agli altri, per stare con gli altri, per me.
tempo-1

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM IRENE VALSECCHI

ENTRA NELLA COMMUNITY