Connessioni

L’uom superbo si pone sopra gli altri, e crede che gli si debba ogni cosa; gli altri, per lo contrario, lo mettono nell’ultimo grado, né gli concedono nulla.

0
Like

Direttori. Tutti manager di qualcosa.

Io credo che per arrivare nel gradino più alto con consapevolezza, bisogna essere partiti da quello più basso. Credo che prima di dirigere un qualcosa, bisogna essere in grado di gestire se stessi. Credo che ‘aver qualcuno sotto’ significa saper rispettare il lavoro degli altri, significa saper governare le competenze e significa saper esprimere i pregi altrui, evidenziarli e farli maturare. Credo che dirigere significhi apprezzare, appoggiare, crescere insieme. Credo significhi saper dettar regole in grado di soddisfare chiunque, in grado di non opprimere e di lasciar spazio alle diverse personalità e ai diversi modi. Credo che prima di diventar ‘maestri’ si dev’esser stati alunni. Alunni in grado di ascoltare e apprendere, sporcarsi le mani e ripulirsele da soli. Credo che prendersi e appiccicarsi un nome in un’etichetta senza che coloro che stanno attorno approvino questo passo, sia un atto di arroganza e nulla di più. Credo che se quell’etichetta è stata consegnata dalla generazione precedente, almeno la decenza di non insultare il nome che si porta sia un passo importane da non sottovalutare. Credo che voler a tutti i costi farsi sentir portati su un palmo di mano, significhi semplicemente farsi odiar da tutti. Credo che il miglior modo sia guadagnarsi il pane. Credo che il silenzio della saggezza, sia molto più autorevole di molta vanvera. Credo che la semplicità dei rapporti, sia più proficua della carta e delle firme. Credo che non tutti siano in grado di rendersi conto dell’esser ridicoli alle volte.

E credo infine che l’umiltà sia l’unico veicolo in grado di far compiere un buon lavoro.

(Per chi ha problemi di concentrazione suggerisco questo link)

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM VERONICA BALBI

ENTRA NELLA COMMUNITY