Salone Internazionale del Mobile 2018

Lithea e il racconto della pietra: tempo, forma e territorio

0
Like

La storia di Lithea, a partire dal nome (dal greco Lithos (λίθος), pietra) è legata indissolubilmente alla pietra, ai suoi valori e ai significati che questo materiale porta con sé. Entrando nello spazio espositivo di Lithea al Salone del Mobile di Milano, esplorando la collezione e parlando con le persone possiamo cogliere almeno tre di questi legami: quello con il tempo, quello con il territorio e quello con la forma.

Pietra e Tempo

Quando vogliamo sottolineare l’importanza di un momento diciamo che resta scolpito nella pietra. Un materiale imperfetto, grezzo, difficile da lavorare ma allo stesso tempo simbolo perfetto di valori che durano nel tempo, metafora della memoria e della storia.

Lithea parte da qui, dalla persistenza di questo materiale che è simbolo della memoria e che sfida il tempo, per proporre una collezione che lo racconti in modo particolare.

Passeggiando per l’area espositiva di Lithea si vede, si sente e si può toccare con mano questa ricerca, questa visione della pietra e del tempo raccontata da diverse prospettive, partendo innanzitutto da quella del territorio.

Lithea Salone del Mobile 2018

Pietra e Territorio

La pietra, leit-motiv delle proposte di Lithea, si collega infatti direttamente con la Sicilia, regione da sempre profondamente influenzata da questo materiale e territorio d’origine dell’azienda, che nella nuova collezione ha deciso di esplicitare questo legame fin dal nome dei prodotti della collezione.

La suggestione presentata dall’azienda quest’anno, secondo la fondatrice Patrizia Furnari, è proprio “il legame con il nostro territorio: noi proveniamo dalla Sicilia, e abbiamo scelto designer che dessero più importanza al nostro territorio, al legame con la nostra storia e all’architettura, alle tradizioni nostre in Sicilia. Infatti il tema della mostra è “Innesti mediterranei”, dove i prodotti – anche già dal nome che abbiamo dato, da Caltagirone a Monreale – maioliche di pietra, hanno un legame con il nostro territorio. Vogliamo portare fuori la Sicilia nei nostri prodotti.

Lithea Salone del Mobile 2018

Pietra e Forma

La pietra tuttavia non è utilizzata come materiale puro e fine a se stesso ma viene rilavorata e reinventata di volta in volta da Lithea, facendola entrare nella contemporaneità, evolvendo le sue infinite e accidentali sfaccettature anche al di fuori dai suoi tradizionali canoni di utilizzo.

Noi trattiamo marmo e pietre naturali e quindi diamo più importanza alla forma per riproporlo in maniera diversa dai soliti utilizzi come i pavimenti o i rivestimenti normali.”, aggiunge Patrizia Furnari.

Una lavorazione pensata per incuriosire e stupire i visitatori per cui il risultato risulta “molto interessante, perché ci sono queste superfici così particolari, trattate”.

Lithea Salone del Mobile 2018

La cosa che più colpisce mentre si osservano i visitatori dello spazio Lithea sono le mani e lo sguardo dei visitatori, che sembrano attratti dai materiali di cui sono fatti i prodotti e dalle loro lavorazioni. Sembrano guardarli come in contemplazione, quasi ammirassero le colonne doriche del Tempio della Concordia di Agrigento o i resti del frontone del Partenone al British Museum. Non ci stupiremmo di vedere qualcuno intento a comprenderne meglio l’origine e la storia leggendo una guida che li racconta…

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM REDAZIONE GUSHMAG

ENTRA NELLA COMMUNITY