Winestesia

L’innominabile “coso” mensile

0
Like

Come già avevo detto nella presentazione della rubrica sul mio sito http://leperledinina.over-blog.com/ , questa rubrica è dedicata alla dis-informazione. O meglio al’informazione leggera, senza grossi temi seri che accendono infervorate discussioni, perchè di blog di questo genere ce ne sono a bizzeffe. Certo qui si può sempre commentare (e io ho piacere che lo facciate perchè si impara di più quando qualcuno ti aiuta a vedere le cose da diverse angolazioni!). Quindi diciamo che l’argomento di oggi è serio a modo suo. Ed è un argomento che di solito evitiamo di includere nelle conversazioni poichè non piace molto. Ma qualcuno doveva pur parlarne, perciò mi sono offerta volontaria per raccontare la storia di quel povero, innominabile “Coso” mensile.

E’ proprio vero che, come diceva Luciana Littizzetto, la pubblicità degli assorbenti quasi sicuramente l’ha ideata un uomo. Perchè delle pubblicità cosi schifide ad una donna non sarebbero mai passate per la testa. Oltretutto il signor pubblicitario crea lo spot per poi prenderci per i fondelli con delle “esilaranti” parodie -.-. Sentite qua.

Con Lines formula odore non ho più paura di salire in ascensore” oppure “Quando ti senti sicura è più facile stare vicino agli altri. Sentiti sicura con Lines Seta Ultra con la molecola antiodore n3 che intercetta, cattura e neutralizza l’odore” e ancora “E’ automatico! Al mattino doccia, un velo di crema, un velo di trucco e un velo sullo slip. Intervallo velo ti fa sentire fresca tutto il giorno. Intervallo velo, 1 millimetro di freschezza così flessibile che scompare nello slip. E chi rinuncia alla freschezza! Praticamente non lo senti!

No dico, di che malattia soffre sta donna?? -.-‘. Voglio conoscere l’uomo che l’ha incontrata. Lo voglio vedere!  Perchè, apparte il fatto che se non ti avvicini alle persone per gli odori hai dei problemi di igiene in generale e non è di sicuro per colpa del tributo mensile alla femminilità, qui in ogni caso hanno appena dipinto un muflone in mezzo ad una foresta di conifere e non una donna! Sembra che puzziamo come degli animali, quando io avrei molto più da ridire sugli odori emanati dal genere maschile! -.- Ma soprattutto, un velo di freschezza tra gli slip???? Ecco qui è chiaro che si tratta di un uomo, perchè non ha mai provato cosa vuol dire portare l’assorbente. Gli uomini si lamentano delle mutante strette perchè sfregano sui gioielli di famiglia, figuriamoci se possono sapere cosa vuol dire avere una pellicola di plastica dentro gli slip. Oltretutto non è per niente fresco e per niente piccolo. D’estate rischi l’abrasione come i neonati con il pannolone. Tanto per dire no…

Poi, le avete viste le ragazze della pubblicità degli assorbenti?? Sono degli automi di sicuro. Bellissime, si svegliano la mattina al primo giorno di ciclo e fanno la doccia con gli asciugamani bianchi. Mia mamma manco me fà asciugà le mani sull’asciugamano bianco! Questa è la fantasia maschile sul prototipo di donna mestruata perfetta. Sempre bella, si asciuga e non sporca, non si lamenta dei dolori alla pancia e alla schiena, il viso non presenta segni di stanchezza…perchè avete mai notato che quando un uomo ti chiede “sei un pò stanca? hai il viso tirato” e tu gli dici “No no, ho il ciclo” lui fa una faccia schifata e ti dice “Si si per carità non voglio sapere”..e cambia pure stanza!!! Poi queste saltellano pimpanti qua e là perchè sono felici di andare a lavoro che tanto l’assorbente non si sente…Nessuno, e dico nessuno, nemmeno quello che il ciclo non sa ancora cos’è, ha voglia di andare a lavorare -.- ..le donzelle degli spot sì! Non si sa come, nè di che sostanze facciano uso, ma vogliono lavorare a tutti i costi. Nella realtà invece, per carità ovvio che si va a lavorare, però credo che qualsiasi donna se ne starebbe a poltrire a letto tra i dolorini se potesse. E di sicuro non sceglierebbe mai un vestito color perla per uscire la sera. NERO TASSATIVO! Ora lo sapete..il nero va per i funerali, per una serata elegante e per i giorni di ciclo.

Ma tornando a noi..avete presente la pubblicità della ragazza che deve fare un provino per fare la Vj e le fanno fare la ruota? Non è imbarazzante?? Io che sono donna mi vergogno da morire davanti a quello spot. Tralasciando il fatto che se fai la Vj non so da dove venga fuori che tu debba piroettare come una foca da circo.. lei fa la ruota e poi esclama “Avevo Seta Ultra. Seta Ultra dice stop alle fuoriuscite“. Dice stop alle fuoriuscite!? Mica ti fai la doccia se vai a testa in giù. Eh dai! Ma per forza poi ci fanno le parodie dietro. E infatti, neanche a dirlo, su Youtube ci sono milioni di video parodia sugli assorbenti e rispettive proprietarie.  Mi pareva ovvio! Come vi avevo detto si sono fatti apposta delle pubblicità dementi per poi crearci dietro la parodia.

Dopo il tormentone “Donna al volante, pericolo costante” adesso arriva anche “Donna mestruata, la parodia è assicurata”. Che poi, ad una signora non serve che le spieghi come funziona l’assorbente. Lo sa e basta. Lo sa da quando ha dodici anni, lo sa da prima che a un uomo vengano fuori i peli pubici. Facciamo di tutto per non far sapere di essere nella settimana maledetta (perchè, come detto sopra, se l’uomo lo sa cambia stanza. Anche se la lebbra da ciclo non l’ho mai sentita) e ti passano ste pubblicità alla TV, che devi chiudere gli occhi a tuo figlio da quanto sono oscene. Poi vai al supermercato a comprarti una confezione di pannolini da donna e devi cercare una cassa dove non ci sia un’uomo perchè o gli tremano le mani a passarlo sopra il lettore codici, oppure ti guarda in faccia e ride -.-‘.

E a questo proposito arriva il top delle pubblicità. Non bastava averci rovinato la vita sociale con fandonie sugli odori, sulle fuoriuscite autostradali tra le mutande. Dovevano pubblicizzare anche il porta assorbenti PER NON FAR SAPERE CHE ABBIAMO IN BORSA L’ASSORBENTE. Ma mi prendi per una parola che non posso dire?? L’hai pubblicizzato alla TV. L’hanno visto milioni di  persone tra cui una buona maggioranza di uomini. Non è più un segreto sai!! Tirare fuori quell’astuccetto è come sventolare un assorbente tipo bandiera. Bandiera bianca. In segno d’arresa. Mi arrendo alla demenza maschile. All’uomo che ride delle sventure che il buon Dio ha caricato sulle spalle della donna. Perchè se il maschio con 37 di febbre è un moribondo in casa, figuriamoci se vede del sangue. Quello sviene.

 

Alla prossima!

 

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM VERONICA BALBI

ENTRA NELLA COMMUNITY