Odio i ricci

Ligabue: questo, il Campovolo più bello di sempre

0
Like

Sabato mattina mi sono svegliata e mi sono detta che in fondo non sono più una ragazzina, andare al Campovolo, a Reggio Emilia, in mezzo a 150.000 persone, è un’avventura che potevo anche risparmiarmi. Ma poi prendo coraggio, va beh dai vado. Ed effettivamente un’avventura lo è, perché davvero arrivare al Campovolo, entrare e prendere posizione, è uno sforzo  fisico al quale, nella mia pigrizia, non sono abituata!

Ma poi… poi inizia il concerto. Il Liga parte e insieme ai Clandestino, ripropone il primo album per intero. Pezzo dopo pezzo. In ordine cronologico. Ed è un sogno. Il palco è il più bello che io abbia mai visto. L’energia è pazzesca. Penso che dovevo esserci. Che non potevo mancare. Che quello che respiro qui, è pura magia. Per fortuna che ci sono, mi  dico.

Arriva poi il momento di “Buon compleanno Elvis”, anche questo suonato per intero, ma con la Banda stavolta. E questo è l’album che mi ha fatto innamorare di Luciano. Avevo 16 anni e davvero credevo che nella vita tutto fosse possibile. Ho ripensato con le lacrime agli occhi ai miei sogni dell’epoca e a quella tenera ingenuità. Il Liga, per riproporre questo album, ha indossato una camicia gialla. “Quella” camicia gialla. La stessa della videocassetta (sì, videocassetta!!!) che ho consumato talmente sono tante le volte che l’ho guardata.

Luciano ha deciso di ripercorrere la sua carriera anche attraverso gli abiti e per ogni “era”, ha indossato un indumento simbolo di quel momento del suo percorso.

Gilerino tamarro, camicia gialla, rossa, a quadri, occhiali da Elvis. E per chi come me, associa spesso un’emozione ad un’immagine, è una bella botta emotiva. I ricordi mi fanno tremare le gambe.

E poi c’è la terza parte, quella dei brani più recenti, suonati con il Gruppo, che fanno esplodere il Campovolo. E’ stato un concerto pazzesco. Più di tre ore e mezza di musica. Chi se ne frega se non sono più una ragazzina, dovevo esserci, punto e basta. Tante emozioni così, sono un bene prezioso.

Caro Luciano, riesci sempre a tenere vivo il nostro rapporto, appena mi addormento un po’, mi dai scosse di passione così forti, che sceglierei nuovamente te. Ancora una volta. Anche in mezzo a milioni di persone.

liga1

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM NADIA VENTURINI

ENTRA NELLA COMMUNITY