Notti Tragiche - Un Mondiale da Spettatori

Le notti tragiche, se sono tedesche, sono bellissime.

0
Like

Da sempre mi piace tifare per i più deboli, per gli sfavoriti per quelli che fanno il colpaccio. O quantomeno dal Campionato Europeo del 2004, vinto dalla Grecia episodio indimenticabile di quell’Europeo che io però metto alla pari con il quarto di finale Portogallo-Inghilterra, vinto dai portoghesi con un rigore tirato alle stesse da David Backham e il portiere Ricardo che diventa protagonista prima parando un rigore senza guanti, poi andando a tirare e realizzare il rigore successivo. Quello decisivo. Gli sfavoriti passano, e quell’Inghilterra era una bella squadretta, andando dritti verso la finale persa poi mestamente contro gli ellenici. Quella sì che è stata una notte tragica per i leoni inglesi.

https://www.youtube.com/watch?v=WlEUdZgH0gc

Beckham sbaglia, Ricardo segna. Da allora tifo per i perdenti, per gli inetti (ho addirittura la maglia di Roman Pavljučenko), muoio dalla voglia di vedere il ribaltone. Quindi quando l’Argentina affronta l’Islanda, il Brasile incontra la Svizzera e la Germania se la vede con il Messico mi unisco al geyser song e mi divoro una tavoletta di cioccolata col mio sombrero in testa. Se poi nessuna di queste favorite riesce a strappare i 3 punti beh, allora non resta che godere. È il Mondiale perfetto. Soprattutto da italiano, che vede il Mondiale seduto sul divano. Le notti tragiche, se sono tedesche, sono bellissime.

La Germania perde contro il Messico

Chissà allora che qualche outsider non possa fare il colpaccio questa volta. Non succede, perché alla fine ci arrivano sempre i più forti, ma se succede… Il mio tifo va comunque all’Inghilterra. Anche se non è certo così outsider come la Grecia di Angelos Charisteas, sempre sia lodato.

 

 

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM MICHELE GHEDIN

ENTRA NELLA COMMUNITY