Vedo, ascolto, scrivo!

Le donne, il nuovo anno, i buoni propositi

0
Like

Neanche avuto il tempo di abituarci a scrivere 2016, e siamo già a metà gennaio! L’inizio di ogni nuovo anno è sempre così, carica e scarica in un tempo così breve che non riusciamo nemmeno ad accorgercene. Ma c’è una cosa che a noi esseri umani piace fare. Una volta la scrivevamo nel diario segreto, noi fanciulle, ora molte di noi la scrivono su Facebook.. Sì, sto parlando della lista dei buoni propositi.
Da un’attenta osservazione e da un attento ascolto alle amiche e conoscenti che mi stavano attorno in questi giorni, vi presento i propositi che mi sono piaciuti di più, e che forse potrebbero interessare anche me! ;)

  1. “Da lunedì mi metto in dieta”, frase che si inizia a sentire dalla fine del pranzo di Natale al pranzo di Natale dell’anno nuovo. Un sempreverde che non delude mai e che, spesso per non dire quasi sempre, miseramente fallisce.
  2. dieta

  3. “Da gennaio vado in palestra”. L’inizio dell’anno anima sempre le belle iniziative, ci viene tanta voglia di fare e iniziamo già a sentire la pressione della prova costume. Chi di noi abbia effettivamente iniziato una qualunque attività sportiva senza abbandonarla spudoratamente per mancanza di voglia di fare, alzi la mano. Io vi guardo da seduta, a braccia conserte, con delle patatine in mano.
  4. palestra

  5. “Sarò più ordinata”. D’altra parte la pila di vestiti sopra la famosa sedia, in camera, ci aiuta a vedere la camera in perfetto ordine. Per la stessa legge, anche i cassetti stracolmi dell’ufficio ci aiutano a vedere una scrivania vuota, pulita, immacolata. Illusioni, e tanta immaginazione.
  6. mettere ordine

  7. “Cercherò di limitare le litigate col mio uomo solo per motivi davvero importanti”, e fu così che finirono per prendersi a parole per la scelta di un film, o di una bibita piuttosto che un’altra. Vuoi mettere la fanta con la coca cola? Non ci sono paragoni!
  8. litigi d'amore

  9. “No no, quest’anno con i saldi mi prenderò solamente l’indispensabile”. Martedì 5 gennaio 2016 sveglia ore 8, partenza verso posto X ore 9:30, pranzo un panino al volo, rientro in casa ore 20:30. Giusto due cose: le scarpe, lo stivaletto corto e quello lungo, una pochette e una borsetta, intimo come se piovesse, t-shirt manica corta mezza-a tre quarti-lunga, jeans skinny-mediamente skinny-larghi-larghissimi, con e senza strappi, per occasioni diverse. E poi ci sono gli ombretti, i rossetti, gli smalti, l’eye-liner e.. Ah, la crema viso giorno e notte. L’indispensabile insomma.
  10. saldi

  11. “Voglio migliorare la mia alimentazione”. Si sa che dall’alimentazione dipendono diversi fattori come l’avere una bella pelle, dei bei capelli, avere una digestione senza particolari problemi. Cose che non sarebbero possibili se mangiassimo schifezze, valanghe di carboidrati, dolce e salato random. Dopo le vacanze di solito iniziamo con una stretta dieta ricca di frutta e verdura, alternata a carne bianca e zuppe, per proseguire poi con pane e Nutella, pizza e coca cola, cotoletta e patate fritte. Ed il gioco è fatto!
  12. bio

  13. “Cambio look e mi rinnovo”, un po’ come la Cappella Sistina.. Sembriamo convinte dello stravolgimento personale e poi, non appena varchiamo la soglia del parrucchiere, l’esordio è più o meno questo: “Dunque.. Vorrei tagliarli di qualche centimetro, 3 centimetri al massimo, giusto una spuntatina e no, no, niente frangia, tengo il ciuffo e mi raccomando di non accorciarlo!”.
  14. look

  15. “Quest’anno meno aperitivi, più mostre!” Treviso, terra di mostre e luoghi meravigliosi da visitare. Vicino a noi c’è pure Venezia, un’altra città indescrivibilmente meravigliosa e ricca di angoli e calli spettacolari. Entrambe queste città ci possono regalare momenti di altissima cultura senza nemmeno accorgercene, ed è per questo che.. Andare a Treviso = aperitivo dai Naneti, segue la Gigia, segue il Borsa, segue pizza da Pino. Andare a Venezia = giro per bacari, impossibili da quantificare fisicamente ma assolutamente soddisfacenti spiritualmente. Ed i buoni propositi se ne vanno..
  16. aperitivi

  17. “Mi piacerebbe imparare una nuova lingua straniera, voglio fare un corso”. L’importante è esserne convinte e prendere l’iniziativa. Non ha importanza se poi il corso lo avresti due sere a settimana dalle 20:30 alle 22, e tu a quell’ora sei dilaniata sul divano in preda ad una crisi di sonno e voglia di dolcetto post-cena. E non importa nemmeno se lo fanno il sabato e tu potresti tranquillamente andarci, ma non ci vai perchè preferisci poltrire e non fare un cazzo con la scusa che il sabato devi fare un sacco di cose.
  18. lingue

  19. “Dopo questo capodanno giuro, non berrò mai più alcolici!”...Due giorni dopo, aperitivo con le amiche: per me un americano, grazie!
  20. alcool

È così che, più o meno, tutte noi iniziamo ogni nuovo anno. Cosa riusciamo a portare a termine non è il caso di dirlo, ma l’importante è il pensiero e soprattutto.. avere dei buoni propositi!
Buon 2016 gente, vi auguro sia fortunato, ricco di amore e di immensa felicità! 

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM VALENTINA ARTICO

ENTRA NELLA COMMUNITY