Blueeco

Il lavoro giusto per le mie qualità: l’inizio con Blueeco

0
Like

Da circa due anni ho un lavoro part time in un panificio. Lavoro con il pubblico e tra gioie e dolori dopotutto mi piace. Parlare, sorridere, chiacchierare e ogni tanto fare qualche battuta, è nelle mie corde. In modo spontaneo mi trovo bene in mezzo alle persone. Cerco di metterle a loro agio e farle sorridere anche quando hanno una giornata no.

La necessità di guadagnare qualcosa di più è un fatto fisiologico  in una famiglia composta da quattro persone. Manco a dirlo,  appena io e il mio compagno percepiamo lo stipendio evapora in tasse, bollette, rate della macchina, rate del divano, della tv, libri scolastici dei miei figli, beni di prima necessità, cibo, macchina… e chi più ne ha più ne metta.

Per molto tempo ho creduto di non saper fare niente di particolare. Ogni lavoro s’impara sul campo ma non ho nessuna particolare qualifica o competenza sulla quale costruire una carriera. Non me ne do una colpa, certe scelte passate sono state necessarie e utili per me e le persone a cui voglio bene. In questo periodo però vorrei fare altre scelte per rimettermi in gioco. Il tempo, adesso che i figli sono un po’ più grandi, è dalla mia parte.

Vengo al dunque. C’ho pensato bene, una mia qualità , che sicuramente posso migliorare, è il rapporto con le persone. Mi sento disinvolta e a mio agio, allora perché non cercare un’altra possibilità di guadagno che mi faccia esprimere sotto questo senso? Un bel giorno una mia amica mi parla del brand per il quale lavora: Blueeco. Entrare in questo mondo lavorativo significa diventare consulenti. Ho pensato, fa al caso mio. Niente orari di lavoro prestabiliti, libertà di gestione del proprio tempo, possibilità di guadagno superiori a standard fissi, direttamente proporzionale all’impegno e al tempo impiegato, un paio di riunioni al mese con approfondimenti sui prodotti e sull’evoluzione della vendita diretta. La prospettiva di crescere c’è tutta.

Non avrei potuto vendere qualsiasi cosa, tipo aspirapolvere, bevande dimagranti, contenitori per i cibi. Amo i prodotti ecologici soprattutto quelli utili e davvero efficaci, quindi niente sole nei miei principi etici di lavoro. Ho sentito molte esperienze negative con altri sistemi di vendita, tipo la Forever. Ti fanno acquistare prima il materiale e poi in un secondo momento lo devi rivendere con metodi poco ortodossi. Lo stalking è assicurato ed è un incubo a quei livelli.

Blueeco ha un sistema di vendita soft. Niente investimenti iniziali, niente tetti di vendita mensili, niente che si possa ricondurre a quel modus operandi  aggressivo di vendita diretta che ha stufato non poche persone fino a qualche anno fa. Per un cliente essere seguito e consigliato anche dopo l’acquisto è un lusso. I rapporti umani e soprattutto l’ascolto è la prima cosa che mi hanno insegnato qui. Una concezione opposta alla spesa che facciamo al supermercato, senza contatto umano, senza garanzie sul prodotto e se non funziona “ciao e grazie”.

I primi prodotti che ho scelto di vendere, perché  ce ne sono abbastanza e ho bisogno di una preparazione progressiva, sono quelli legati alla cura della pelle. Il dischetto struccante Cocò ad esempio è una bomba, solo con acqua elimina il trucco in pochi tocchi, non c’è spugnetta, dischetto usa e getta o detergente che tenga il confronto.

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM GIOVANNA DI GIORGI

ENTRA NELLA COMMUNITY