La tenerezza.
Questo dato inafferrabile.
Provarne è così frustrante.
Verso i cani.
Verso gli infanti, e non essere ricambiati.
Costringere il lattante in un abbraccio, i baci, essere allontanati coi pugnetti chiusi, senza le forze necessarie, eppure definitivamente.
La tenerezza, un moto irrefrenabile.
Anche il mio cuore duro, davanti alla bambina che ride, coi dentini appena nati. La tenerezza. Spingerle il capo contro il petto e non ricevere nemmeno un bacio.
La tenerezza.
E’ un corpo che non mi è dato.
Un cane che non ho mai toccato.
Un bambino da cui non sono benvoluto.
Rimango duro.
Me ne farò una ragione e i miei muscoli guizzeranno in un impeto involontario ogni volta che la bambina vive o dorme, ogni volta che una bestia dagli occhi tondi resta in silenzio.
Un silenzio rivolto a me.
Mi incendia le orecchie.
Mi affligge il cuore.

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM VALENTINA FORMISANO

ENTRA NELLA COMMUNITY