Mattoni rossi, un gran camino che svetta tra gli alberi della Restera, e quell’aria da gigante buono, abbandonato ma carico di storia, di storie e di volti. Eccola, la splendida Fornace Bertoli.

Un luogo dove il tempo sembra essersi fermato a quando, esattamente da quella fornace, uscivano i mattoni per costruire il nordest e il suo miracolo. Ma anche, e sopratutto, i mattoni forti, genuini e fatti a mano, per ricostruire Venezia, così fragile, così delicata, così bisognosa di rispetto e di cure.

La Fornace Bertoli è anche il posto dove il mio bisnonno, e molti altri come lui, hanno lavorato una vita intera. Dove mio nonno ha imparato il rispetto e la dedizione per un lavoro che lo ha portato lontano, e dove la storia personale di ognuno si intreccia con la storia del territorio in cui viviamo.

Abbandonata da decenni, la Fornace negli ultimi anni ha ritrovato un senso. Lo ha ritrovato nell’affetto della gente, e si è riscoperta luogo di incontro, condivisione e cultura (un esempio? eccolo qui). E la partecipazione e l’interesse della cittadinanza da allora non hanno mai smesso di crescere.

Recuperare i luoghi e valorizzare le identità

Come oggi, alla presentazione del progetto di riqualificazione. Una partecipazione straordinaria, per un luogo altrettanto straordinario.

 

A progettare il futuro della Fornace ci ha pensato l’imprenditore Franco Melenotti, patron di Belstaff, e Casalese di adozione. Lui e una folta cordata di imprenditori, italiani e non, hanno deciso di scommettere su un nuovo modo di vedere la fornace, partendo dalle sue radici e guardando verso il futuro: Nascerà qui la futura Venice Wine Town. 

Tutto ruota quindi attorno a una delle cose che a noi Veneti riesce meglio: il Vino. Concepita in un’ottica slow, che valorizzi il territorio circostante e i suoi prodotti, la mobilità lenta, e la splendida greenway del Sile, la Venice Wine Town si struttura come una piccola cittadella, affacciata al Fiume Sile. Un luogo di incontro, ma anche di passaggio, con la sua posizione strategica a metà tra Venezia e Treviso.

bty

Mantenendo la struttura esistente, il progetto prevede la realizzazione di spazi per showroom, accoglienza, ristorazione. Ma coronare il tutto sarà una struttura museale ideato e progettato dal premio oscar Dante Ferretti.

I luoghi preziosi per la comunità che rinascono a vita nuova.

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM LUCIA BONAN

ENTRA NELLA COMMUNITY