Dall'altra parte del vetro

Vacanze? Andiamo al Sud. Nella radio del Sud: Radio Norba

0
Like

Fino a d’ora mi sono occupata solamente di grandi network, ma dietro i grandi nomi ci sono sempre delle piccole realtà che fanno da vivaio ai bestioni dell’etere.
Ormai stiamo entrando in un mondo dove il presente e il futuro radiofonico è segnato dalle web radio, dove anche solo attraverso una applicazione (ne cito una, Spreaker) si può andare in onda con il proprio show.

Ricordo un po’ di tempo fa’ ascoltavo proprio grazie a questa app, un programma che si chiamava Twittami di notte. Non ci vuole tanto a capire che il fulcro di questo show fosse il binomio tra Twitter e la radio, una cosa abbastanza semplice, talmente semplice che però riusciva a coinvolgere ogni venerdì e domenica sera tantissime persone, diventando un successo strepitoso. Un successo dovuto soprattutto al coinvolgimento del pubblico attraverso il social network, a tal punto da far schizzare l’hashtag #twittamidinotte sempre tra i primi posti del trend topic. Gli argomenti trattati in ogni puntata scaturivano un interesse generale, che con il passare delle puntate cresceva sempre di più, anzi, se vi incuriosisce il progetto, potete visitare il loro sito internet www.twittamidinotte.it. Credo che a breve riprenderanno anche ad andare in onda.

Comunque, torniamo a bomba, è chiaro il concetto, da piccole idee possono nascere delle grandissime realtà. Delle realtà che a volte per noi sono nascoste, ma per altri invece sono già sinonimo di famiglia.
A me è capitato per caso di conoscerne una, un paio di sere fa’.
Come tante persone a casa ho Sky e nell’opzione “canali preferiti” ho memorizzato solamente dei canali musicali. Non sono tanti in base alla scelta che Sky ci offre, sono solo dieci, ma solitamente sono solo quelli ha suscitare la mia curiosità.
L’altra sera invece ho cambiato sistema, ho incominciato a fare zapping e arrivata al canale 730 ho scoperto RadioNorba Tv.

image

Già conoscevo Radio Norba, son sincera, solo per sentito dire, non mi sono mai interessata a conoscerla un po’ di più. Sarà perché sapevo che fosse solo una radio locale e non della mia ragione (io son sarda e la radio è pugliese), insomma ho sempre praticato una sorta di snobismo, della quale però mi son dovuta ricredere da subito.

Innanzitutto la possiamo chiamare “radio locale” fino ad un certo punto, perché raccoglie ogni giorno più di 700mila ascoltatori, di cui solo 500mila in Puglia. Il segnale in FM si estende per tutto il centro-sud, tralasciando Sicilia e Sardegna, non per niente è denominata “La radio del sud”
Oltre che su Sky, potete anche cercarla sul digitale terrestre. Anche loro, come RTL 102.5, vanno in onda ogni giorno con la radiovisione. Dalle 6 del mattino fino a sera potete vedere gli speaker all’opera, in uno studio veramente molto bello. Questo fluo sul nero sarebbe approvato anche da Sir Enzo Miccio.

Una direzione artistica giovane, affidata ad Alan Palmieri, già volto noto di Radio 105 e RTL 102.5, che ha iniziato questa sua avventura da direttore nel 2007 a soli 32 anni, cosa molto rara qui in Italia, la fascia di “Miglior Paese per Vecchi” non c’è la leva nessuno. Partito con una profonda conoscenza del territorio (visto che ha spiccato il volo proprio da Radio Norba), insieme al presidente Marco Montrone, sta costruendo un percorso davvero molto interessante. Ma nonostante questo ruolo così importante, anche per lui vale il detto “il primo amore non si scorda mai” perché oltre al ruolo di direttore, ogni mattina alle 11 va in onda con il suo programma.

Ma non solo lui è passato da questa radio.
Prima di varcare la soglia di importanti network, anche altri speaker famosi, in principio, hanno calcato queste scene, per esempio Rosaria Renna che va in onda ogni pomeriggio su RDS o Fernando Proce che è il padrone di casa della mattinata di RTL 120.5 con La Famiglia giù al nord. Anche il secondo classificato alla RDS Academy, Stefano Mastrolitti proviene da Radio Norba e anche lui da questo autunno inizierà la sua avventura insieme a Chiara Tortorella su R101. Insomma, è la distributrice ufficiale di talenti pugliesi in giro per i network d’Italia.

Con un palinsesto adatto a tutti, la possiamo considerare la cosiddetta “radio generalista”, ma con i suoi punti di forza.
Uno di questi è sicuramente il Battiti Live, uno show nato circa 11 anni fa, dalle ceneri di un altro programma che si chiamava Battiti della Caverna (programma di musica live che è andato in onda su Radio Norba per bene 13 anni).
Battiti Live è uno show itinerante, che porta i più grandi artisti nazionali ed internazionali nelle più belle piazze del Sud Italia. Show assolutamente gratuito, che quest’anno si è districato per ben cinque tappe: Matera, Bari, Gallipoli, Bisceglie e Taranto. Anzi, se vi trovate in vacanza in Puglia, vi ricordo che quest’ultima tappa si svolgerà domenica 17 agosto a partire dalle 21, nella Rotonda del Lungo Mare Vittorio Emanuele II. Se volete testare questa realtà con le vostre stesse mani, non vi resta che farci un salto.

E se volete conoscere l’intero mondo di Radio Norba non vi resta che ascoltarla. A me piace scoprire e raccontare queste piccole realtà, soprattutto quando ottengono dei risultati di gran livello, perché nella vita è giusto sognare e puntare sempre in alto, però bisogna anche imparare da chi, ogni giorno, passo dopo passo, cerca di costruire qualcosa di grande.
In tutta Italia ci sono tantissime altre radio locali che lavorano per costruire qualcosa di buono ed è piacevole vedere che dietro il lavoro di tante persone c’è sempre il cuore a farla da padrona e non so perché, ma nel futuro di Radio Norba vedo solo cose belle.
E non si tratta solo di sensazione, qua sono i fatti che parlano chiaro e non gli ho mai sentiti parlare così bene.

Alla prossima!

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM LUCIA MELAS

ENTRA NELLA COMMUNITY