Light & Shadows

La Discesa dei Corpi| Le opere di Cesare Inzerillo

0
Like

Non temiamo la morte, ma il pensiero della morte.

Lucio Anneo Seneca


Ciao a tutti & buon lunedì

Nella mia recente visita al palazzo Desideri – Tangassi, sede del Museo Etrusco Guarnacci di Volterra, ho avuto l’occasione di ammirare alcune delle straordinarie sculture di Cesare Inzerillo esposte nella mostra temporanea ” La Discesa dei Corpi”

Cesare Inzerillo Bird of Paradise  2010

Cesare Inzerillo
Bird of Paradise
2010

Le opere di Inzerillo introducono i visitatori  in un mondo surreale, grottesco, ironico e macabro in cui l’artista si rivela esploratore e al tempo stesso conoscitore del tema della morte a tal punto da riuscire a trasfigurarla in qualcosa di sarcasticamente reale, tangibile, immortale.

Cesare Inzerillo Carneera 2008

Cesare Inzerillo
Carneera
2008

Cesare Inzerillo, che per realizzare queste eccezionali sculture si è lasciato ispirare dal fascino sinistro dei corpi presenti nelle Catacombe dei Cappuccini di Palermo, assume, nella dimensione della sua opera, il ruolo di Virgilio e guida l’osservatore in un territorio onirico, sospeso tra l’inclemente realtà che pervade la fine di ogni esistenza e l’irrazionale che ne abbraccia i confini inesplorati da cui, assieme al timore e all’inquietudine, nascono le domande che l’uomo da sempre si pone.

Cesare Inzerillo Direttore  2011

Cesare Inzerillo
Direttore
2011

Ma le sculture di questo artista siciliano non si limitano semplicemente a parlare di morte, esse la amalgamano omogeneamente alla vita strappando, con irruente bisogno espressivo, alcuni dettagli alla società di cui siamo parte, conciliando l’individuale ed il collettivo, il reale e il surreale in un limbo fatto di arte, ζωή (dal greco – vita senza caratterizzazione) e θάνατος (morte).

Cesare Inzerillo Barone Rosso 2003

Cesare Inzerillo
Barone Rosso
2003

In presenza di figure così realistiche, da sembrare veri e propri corpi mummificati, alcuni si staranno chiedendo perchè ho utilizzato il termine filosofico “ζωή” che nel pensiero greco era attribuito all'”essenza della vita” scevra dall’individualità del corpo, questa mia scelta è data dall’immagine universale e anticonformista della morte che Cesare Inzerillo ci offre, così distante dall’idea comune tanto da regalarci una nuova e curiosa veste artistica, un po’ spirituale e un po’ grottesca, di questo triste evento che accomuna l’esistenza di ognuno di noi.

Questa intensa riflessione sulla condizione umana, ad opera dell’artista e scenografo siciliano Cesare Inzerillo, fa da cornice al tema della morte, protagonista della mostra ” Rosso Fiorentino. Rosso Vivo.” dedicata al capolavoro ” La Deposizione della Croce” a Volterra dal 23 maggio 2014 al 31 dicembre 2015 a cura di Vittorio Sgarbi.


Cesare Inzerillo

Cesare Inzerillo, nasce a Palermo nel 1971.

Diplomato all’accademia delle Belle Arti, artista e scenografo di teatro e di cinema è direttore artistico della Fondazione Sgarbi.



SegnaLaMostra

Fra le esposizioni più importanti in Italia, questa settimana vi segnalo :


Leonardo 1452-1519

15 aprile 2015 – 19 luglio 2015

Milano – Palazzo Reale


La rosa di fuoco. La Barcellona di Picasso e di Gaudí

15 aprile 2015 – 19 luglio 2015

Ferrara – Palazzo dei Diamanti


Kusterle. Il corpo Eretico

18 aprile 2015 – 9 agosto 2015

Pordenone – Galleria Harry Bertoia


Rosso Fiorentino. Rosso Vivo

La Deposizione, la Storia, il 900, il Contemporaneo

23 maggio 2014 – 31 dicembre 2015

Volterra – Pinacoteca Civica e altre sedi


Tamara de Lempicka

19 marzo 2015 – 30 agosto 2015

Torino – Palazzo Chiablese


Henri Matisse. Arabesque

5 marzo 2015 – 21 giugno 2015

Roma – Scuderie del Quirinale



Almanacco Settimanale 

20 Aprile 2015

Il sole sorge alle 6.09 e tramonta alle 19.37.
109° giorno dell’anno, 16ª settimana. Alla fine del 2015 mancano 256 giorni.


 Fase della Luna : Luna crescente


Avvenimenti passati : il 20 aprile 1841 viene pubblicato “Murder in Rue Morgue” – (I delitti della Rue Morgue) di Edgar Allan Poe



A cura di : Eleonora Gadducci

Immagini : all by Eleonora Gadducci  – © Eleonora Gadducci Photographer

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM ELEONORA GADDUCCI

ENTRA NELLA COMMUNITY