La cattiveria gratuita, da cosa nasce ma soprattutto come combatterla?

È molto che non scrivo qui e di solito uso la mia rubrica su Gushmag per le ultime news di moda e bellezza.

Oggi utilizzo All Style non per il mondo fashion ma per rappresentare uno stile con cui purtroppo alcune persone si rapportano all’altro. Uno stile che definisco “ Cattiveria Gratuita

Quando sento cattiverie e provocazioni vorrei avere la capacità di isolarmi, la capacità di ignorare!

Invece no, ho il maledetto vizio di psicanalizzare tutto e tutti, persone che con i loro comportamenti fanno delle cattiveria gratuita la loro arma.

Bravi a parole, bravi a farsi rispettare, bravi a non mostrare le proprie debolezze, aspetto deciso che schernisce chi non é come loro o non la pensa come loro.

Convinzione primaria l’essere i migliori, i più furbi!

Riescono a convincere anche chi sa di essere diverso, ma accetta con remissione un giudizio espresso con la solita cattiveria gratuita.

Dissociarmi, arrabbiarmi, indignarmi non mi basta, voglio di più, voglio capire.

Cosa c’è da capire?  Direte voi.

Per me c’è un mondo intero da analizzare. Quella differenza tra me e l’altro che desidero comprendere.

Io sono una spugna assorbo tutto, le cose belle ma soprattutto quelle brutte, i sentimenti e i comportamenti che gli altri mi rimandano.

C’è chi risponde al mio quesito con una sola parola: frustrazione!

Certo, non c’è dubbio che siano persone frustrate ma non tutti fanno delle loro insicurezze e debolezze un’arma da puntare verso gli altri.

Mi è capitato così, presa dalla mia impulsività e dal non contare mai fino a dieci, di chiedere :

Scusa, da dove nasce questa cattiveria? Hai delle motivazioni valide di cui io non sono a conoscenza?

Domande forse banali ma con delle risposte che lo sono ancora di più.

Apprendo così  che il concetto di cattiveria gratuita, secondo questi soggetti,  si identifica nell’essere ormai cresciuti e avere una visione del mondo che porta a vedere la maggior parte delle persone in questo modo, ovvero delle nullità.

Crescere è tutt’altro, quindi alla fine ci rapportiamo con chi non ha nemmeno capito il significato di diventare adulti. Già qui il cerchio si chiude e alla fine mi rendo conto che non occorre nemmeno sprecare tempo e fiato.

Con questo articolo desidero farvi aprire gli occhi e la mente.

Quando una persona vi ferisce, solo per il gusto di ferirvi, non siete voi in difetto o sbagliati e non siete neanche voi i deboli perché incassate e non sapete controbattere.

Siete per fortuna diversi e il diverso fa paura a chi si crede il migliore e vuole imporsi ad ogni costo su tutto e tutti.

Voi siete differenti, avete raggiunto quella fase della vita che si chiama adultità e avete capito il modo di stare nel mondo rispettando voi stessi e gli altri.

La cattiveria gratuita come il bullismo viaggiano di pari passo, sta a noi non farci ingannare e andare fieri di ciò che siamo e che abbiamo costruito, perché in fondo è così, non siamo noi ma sono loro ad avere paura.

 

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM ROMINA CARTELLI

ENTRA NELLA COMMUNITY