Otro más

La Casa Vecia di Jackie To Night

0
Like

Laggiù dopo il ponte Caneva…

…Esattamente come recita il tormentone estivo, laggiù dopo il ponte Caneva potete trovare la Casa Vecia di Jackie Tonight. Oggi infatti non vi parleremo di un locale ma di una persona e del suo modo di vedere la vita.

Abbiamo conosciuto Jackie grazie ad un amico di Chioggia. A Chioggia tutti lo conoscono, tutti sono passati per casa sua, per bere un bicchiere di vino, mangiare una pasta o un pesce alla Pecos Bill. Ma non vi confondete questo non è un locale, la Casa Vecia è la casa di Jackie, un luogo dove verrete accolti come degli amici, e se volete portare un regalo come dice Jackie tutto è ben gradito, non si butta via niente…

Quando lo abbiamo conosciuto sicuramente non ci aspettavamo un personaggio così singolare. Jackie è davvero una persona stupenda, è l’amico, il fratello, lo zio, il nonno che in molti avrebbero desiderato avere.

Figlio di madre napoletana, nipote di nonni cecoslovacchi, la sua vita è un’avventura iniziata subito dopo la morte del padre quando lui aveva solo quattordici anni. Una folta barba e una chioma fluente celano la sua vera età, ma sappiamo per certo che la sua vita è fatta di numeri.

Ha studiato numerologia alla scuola per maghi, la stessa del ben noto “Mago Otelma”. Ha avuto numerosi locali in giro per l’Europa, vinti al gioco delle carte e persi poco dopo. Ha conosciuto sua moglie in Germania e anno avuto un figlio, Jackie ha girato il mondo con il suo mazzo di carte da gioco e ancora ogni tanto parte per una partita organizzata chissà dove.

Poi un giorno è tornato a casa, alla sua Casa Vecia e li ha trovato quello che tanto aveva cercato, quello che aveva sempre avuto ma a cui non aveva mai dato peso.

Jackie ci racconta molte delle sue avventure, fargli un’intervista “classica” non si applica al suo stile di vita, si racconta con calma tra un sorso di vino e l’altro, descrivendo luoghi situazioni di vita trascorsa sempre sul cornicione.

Racconta con un suo ordine irregolare, ma sempre con la stessa logica: “Io sono così, non chiedo nulla e offro tutto quello che ho. Perché la vita è un imbroglio, una visione che non esiste.”

Nella sua casa, “la Casa Vecia” accoglie e cucina per tutti i viaggiatori del mondo come lui e anche per quelli che non lo sono più ma che accetta con gioia, sempre con il sorriso.

Non chiede niente, mai, neanche per un bicchiere di vino. Dice: “Se i soldi devono venire, devono venire con il cuore, perché puoi vincere un sacco di soldi e pochi minuti dopo morire sotto un camion perché stai festeggiando la vincita… A quel punto cosa te ne fai? Era meglio se non li vincevi!”

Fa entrare tutti a braccia aperte in casa sua a patto che siano amici di un suo amico o amici suoi naturalmente ;)  Il menù è quello del giorno, o meglio, quel che c’è a disposizione o che è rimasto. Se ci si sa accontentare, ci si può sfamare, si può condividere un sorriso, ascoltare uno dei racconti di Jackie, respirare la storia di anni trascorsi tra grandi nomi, tra personaggi della storia che sono passati di la.

Photo by Massimo Fabris Photographer

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM MARION E FABIO

ENTRA NELLA COMMUNITY