“Indossa un trench e ti sentirai Audrey Hepburn a passeggio per Parigi” (Michael Kors)large-11

Approfitto di queste giornate romane per parlarvi di un vero must have per questa stagione e grande pezzo di cuore nel mio armadio.

Audrey Hepburn a passeggio per Parigi sarà anche l’immagine di classe e romanticismo, ma anche nel contesto romano si può percepire la stessa eleganza.

Il vantaggio di essere tre donne in casa è quello di poter investire in vestiti comuni. Il dramma è quando una, tipo me, si trasferisce in un altra città, dunque si deve giungere a una spartizione dei beni.

Tra questi beni, lui: il trench di Burberry, conquistato dopo mesi e mesi di risparmi e riflessioni da parte di tutte e tre. Ovviamente vince il potere e rimane a Roma con mamma.

Il trench è il capo ideale per queste giornate frizzantine. Arriva il primo freddo, iniziano le piogge.

Il trench nasce come cappotto da trincea, divenendo poi un capo di moda quando il Ministero della guerra inglese ne ordinò la produzione a Burberry. Originariamente color cachi, oggi rimane un simbolo. Il modello classico è stato rivisitato e interpretato recentemente anche da Kate Moss e Cara Delevingne.  Ma oggi si va oltre il modello classico e viene diffuso in moltissimi colori e fantasie, sia da Burberry stesso che da altre case di moda, anche low cost, come Stradivarius, che lo propone blu elettrico e rosso.

Ottimo per ripararsi dalla pioggia, un po’ meno per ripararsi dal freddo, ma la sua fisionomia gli permette di essere comodo anche sopra alla giacca.

Il trench oggi ha davvero poco a che vedere con la sua origine. Lo adoro perché il suo taglio fa risaltare la linea femminile, è avvitato e non cade liscio, le dà una forma e la segue.  Con la cintura poi si può essere più classiche chiudendola con la fibbia o più estrose annodandola.

large-10

Un uomo in trench, poi, è il simbolo dello charme e del caffè con il giornale, prima del lavoro. Lo immagino che ripone gli occhiali nel taschino.

Perché aspettare le giornate di pioggia?

Un bel décolleté e occhiali da sole e siamo pronte a far le vip in Via dei Condotti.

Un consiglio, perché di “poracciate” in giro se ne vedono molte: evitate i fronzoli o le fantasie estreme. Un classico è un classico perché è semplice.

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM LAURA BECCARIA

ENTRA NELLA COMMUNITY