L'angolo di Key

“Il giro del mondo in 80 isole”, un libro/guida da non perdere

0
Like

Profumo d’estate, voglia di vacanza.

Non per tutti sarà possibile prendere la valigia e partire. Vuoi per via della crisi, vuoi per gli impegni di lavoro (per chi ha la fortuna di averlo) o semplicemente per colpa della pigrizia.
Lo sapete che si può viaggiare ugualmente con massima resa e poca spesa? E che si può conoscere luoghi meravigliosi, vicini e lontani stando comodamente sdraiati sul divano o sotto il nostro solito ombrellone?
Basta prendere in mano un bel libro e lasciarsi conquistare dai racconti degli autori.
Per chi vuole partire e vivere una vacanza all’insegna dell’avventura o per chi preferisce affidarsi alla fantasia, il libro giusto è quello scritto dalla giornalista di viaggi Lucrezia Argentiero con “Il giro del mondo in 80 isole” (Iter Edizioni).

cover libro il giro del mondoE’ una guida preziosa dal formato agile, facile da portare sempre in borsa o da mettere nel trolley,  e ricca di foto meravigliose.

Andiamo alla fonte e facciamoci raccontare del libro e anche un po’ di sé, direttamente dall’autrice, curatrice tra l’altro del blog www.amichesiparte.com.

Chi è Lucrezia Argentiero?
“Sono una ragazza di soli 46 anni che ama viaggiare per il mondo e ogni tanto “sosta” sotto le Due Torri (è pugliese di nascita ma bolognese d’adozione -ndr). Giornalista filmaker, ho fatto della mia passione il mio lavoro. Amo raccontare i territori con le immagini e con le parole.”

Come e quando nasce la tua passione per i viaggi?
“Nasce poco più di dieci anni fa. Prima odiavo ogni minimo spostamento. Per lavoro mi trovavo a Lipari, un’isola delle Eolie. Sarà stato forse il vento che mi picchiava violentemente in faccia, ma è stato come se Eolo mi avesse risvegliato la voglia di viaggiare. Non so perché. So solo che, da quel giorno, non mi sono più fermata.”

Che cosa significa  per te “viaggiare”?
“Viaggiare è un bisogno primordiale. È come avere fame e sete. Viaggiando mi nutro. Mi riempio di vita. Viaggiare mi ricarica. Viaggiano do’ il “la” alle emozioni muovendo continuamente gli occhi per ricercare quello che riscalda il cuore. Un esercizio costante. E se non parto, almeno ogni 15 giorni, vado in astinenza. L’esercizio che mi piace di più? Immagazzinare il più possibile quello che mi da energia e accantonare (senza mai dimenticare) in un angolino il tutto, per poi fare spazio a nuove scoperte e nuove avventure.”

Qual è il tuo viaggio del cuore, che hai fatto o che vorresti ancora fare?
” Quello che intraprendo tutte le volte che torno nella mia terra, la Puglia. Lo faccio ormai sempre più spesso. Lì, a Ceglie Messapica, in provincia di Brindisi, ritrovo la pace, la serenità, oltre agli affetti più cari.  È una sensazione bellissima che provo ogni volta che sono fra gli ulivi secolari e con i piedi nella terra arsa dal sole. Mi sento protetta, libera e piena di energia.”

Lucrezia Argentiero fotoCosa metti in valigia sempre, indipendentemente dalla meta scelta?
“Una felpa grigia con il cappuccio. Ormai sta per abbandonarmi, cade a pezzi. Sono anni che mi accompagna. Ha viaggiato tantissimo con me. ”

“Il giro del mondo in 80 isole”(Iter Edizioni), un libro/guida ideale per chi vuole partire alla scoperta di luoghi nuovi. Cosa racconti nel tuo libro?
” Il giro del mondo in 80 isole è una “guida emozionale”. Il vademecum per chi è alla ricerca del proprio angolo di terra circondato dal mare, ma che ancora non ha ben deciso qual è. Ed è il libro perfetto anche per chi la valigia non la fa mai, ma viaggia solo con i sogni e la fantasia. Racconto di 80 posti magici, ognuno con una sua identità. Da mete “dietro l’angolo” a quelle più lontane. Tutte comunque uniche e soprattutto circondate dal mare!

Le hai viste proprio tutte e 80?
“Quasi tutte. E quelle poche che mi mancano le sto scoprendo velocemente.”

Dal tuo libro si evince che esiste un’isola per ogni occasione e per ogni carattere. Qualche spunto: uno sportivo dove lo faresti andare?
“Alle Bermuda, nell’Oceano Atlantico. Si pratica dal golf (ben 9 campi) alla pesca d’altura, al jogging. Ma anche sci d’acqua, kayak, windsurf, parasailor e vela. Sono il posto ideale anche per chi ama le ampie spiagge, le cui tonalità vanno dal bianco latte al caratteristico colore rosa, frutto di una speciale alchimia, fatta di sabbia, frammenti di coralli e gusci di crostacei. E per l’immancabile souvenir si va nella capitale delle quasi 180 isole, a Hamilton. Da portare assolutamente a casa il bermuda di color rosa.”

Per i romantici quale isola è più indicata?
“Per un tuffo di romanticismo non c’è bisogno di intraprendere un lungo viaggio. Mykonos, in Grecia è la meta giusta e riserva un animo profondo. Ovunque il bianco e il blu vi accompagneranno alla scoperta di un luogo unico. I numerosi e raffinati boutique hotel sono premiati a livello internazionale.”

Per chi si sposa, un’isola da Viaggio di Nozze?
“Le lontanissime Cook. 27 ore di volo per dire e scrivere “ti amo” sulla sabbia e scambiarvi una promessa di eternità dal sapore esotico. Una location di quelle che tolgono il fiato e che non si dimenticano mai. Una location romantica, al di là delle vostre fantasie.”

Qual è il tuo compagno o la tua compagna di viaggio ideale?
“Chi ha in sé un pizzico d’avventura. Chi non si tira mai indietro davanti a niente. Chi ha sete e fame di scoperta. Chi non ha mai voglia di andare a letto, perché non vuole proprio perdersi nulla! Chi, una volta ritornato, pensa già al prossimo viaggio e non alla stanchezza di quello appena vissuto.”

Il tuo prossimo viaggio dove ti porterà?
“Parto per le isole Frisia, in Olanda domani all’alba. Oddio, la valigia. Corro a prepararla!”

 

(ITER EDIZIONI. http://bit.ly/1xlitH5)

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM CATIUSCIA KEY

ENTRA NELLA COMMUNITY