Scusate ma l’acquisto di MTV da parte di Sky lo tollero meno delle unghie bombate che si usano questa estate. I WANT MY MTV, come cantavano i Dire Straits. Io che sono cresciuta con TRL e la battaglia con i piccioni sotto il balcone del Centro Culturale Sardo in Piazza Duomo a Milano, con l’MTV Day all’Arena Parco Nord di Bologna, con i video da scegliere su Select non con lo smartphone ma con il telefono fisso. Io che ho trascorso un’adolescenza felice ballando con il video dei Daft Punk “Around the world” mi dovrò beccare molto probabilmente le repliche del daily di X-Factor! Ho anche appena saputo che quest’anno a condurre sarà Aurora Ramazzotti, mi volete pugnalare due volte?

No che MTV negli ultimi anni navigasse in buone acque, dopo la crisi del 2009 non si è risollevata più proponendo quegli orrori di reality che non proporrei nemmeno al mio peggior nemico, a meno che per lui Jersey Shore sia sinonimo di cultura ed eleganza. Con quella crisi aveva anche perso la sua linfa vitale, la musica, che non è fatta solo di rotazione musicale perché la musica bisogna anche saperla raccontare.

Dovrà diventare sempre più generalista perché è la legge che lo impone, se vuoi rimanere tra i primi 10 canali del Digitale Terrestre devi renderti conto che non puoi essere Coco Chanel e indossare qualcosa di esclusivo che ti calzi veramente a pennello, come tutti devi andare a fare acquisti da H&M anche se tua madre si chiama Sky Italia. Diventerà un contenitore, io che nel contenitore solitamente ci metto solo i biscotti.

Dispiace solamente perché più passa il tempo più ti rendi conto di dover fare i conti con la nostalgia e ti rattrista l’idea che i giovani d’oggi non abbiamo potuto vivere quell’era fantastica.
Quest’anno Milano si ritroverà anche ad ospitare gli MTV Europe Music Awards, già mi vedo il red carpet con Fabio Caressa e Benedetta Parodi con un ciambellone in mano, Carlo Cracco e la D’Amico con il suo pancione, già che ci siamo chiamiamo Suor Maria e balliamo tutti insieme sulle note di “Tutti insieme appassionatamente”.

Ma alla fine la cosa importante è che questa rubrica parla di radio e a meno che Sky non voglia farci provare l’ebbrezza di far cucinare un uovo al tegamino via etere a Bruno Barbieri, qui da noi la musica rimarrà tale e quale.
Buone vacanze!

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM LUCIA MELAS

ENTRA NELLA COMMUNITY