Home relooking

I “sempreverdi” del design: Charles & Ray Eames

0
Like

Molti di voi avranno visto, negli ultimi mesi, le graziose seggioline di plastica colorate impilabili: nelle riviste di arredamento , nel web, nelle vetrine. Ebbene sì, si tratta di uno dei pezzi d’arredo più desiderati del 2014. Ma quanti di voi sanno che i primi modelli furono prodotti negli anni ’50? Siamo di fronte a uno dei “sempreverdi” del design, oggetti che nonostante siano stati progettati da molti decenni, sono sempre attuali e si adattano perfettamente ai gusti contemporanei.

Le famose seggioline fanno parte della incredibile produzione della coppia di designer Charles & Ray Eames, rispettivamente marito e moglie. Che cosa ha decretato il successo dei loro oggetti? In primo luogo la semplicità delle forme, organiche e armoniose. E poi la versatilità e adattabilità a ogni ambiente, dal classico al minimalista, la qualità dei materiali e, non ultima, la comodità.

Giusto per darvi un’idea dello spessore di Charles Eames, dovete sapere che fu espulso dalla facoltà di Architettura di St. Louis perchè “troppo moderno”. Siamo nel 1938.In seguito è stato uno dei pionieri dell’organic design, a fianco di Eero Saarinen, producendo senza sosta, fino alla fine degli anni ’70, pezzi considerati rivoluzionari per le forme e per i materiali all’avanguardia.

In ambito di Home Relooking, potete prevedere di inserire uno o più di questi pezzi nel vostro arredamento. Un “sempreverde” del design ha il vantaggio di adattarsi a ogni ambiente, dando allo stesso tempo un colpo di classe.Vedere per credere:

 

eames1

 

 

Poltrona e poggiapiedi Lounge //credits

eames3

Sedia DSW//credits

eames4

Sedia RAR per bambini//credits

eames5

La sedia//credits

eames6

Sedia Eiffel rivestita con lana dal proprietario//credits

eames7

Sedia DCW//credits

eames8

Sedia LCW//credits

eames9

Occasional table LTR//credits

eames11

Sedia DAW ABS//credits

eames12

Sedia DSR//credits

eames2

Sedia DSR//credits

eames14

Sedie DSW in vari colori//credits

 

 

 

Non mi resta che augurarvi “buon relooking”.

Cinzia Corbetta

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM CINZIA CORBETTA

ENTRA NELLA COMMUNITY