Dall'altra parte del vetro

Dimmi dove abiti e ti dirò che radio sei: i Gusti Radiofonici degli Italiani

0
Like

In questi giorni potrebbe esservi capitato di leggere sui siti d’informazione la classifica dei programmi più ascoltati alla radio, grazie ai dati d’ascolto sul primo semestre 2015 rilasciati pochi giorni fa. Per quanto la cosa possa essere interessante per gli addetti al lavori (e non solo) da questi dati emergono altri fatti interessanti, infatti con un po’ di pazienza, dedizione e stima verso decine e decine di PDF si può trarre il profilo dell’ascoltatore medio ma cosa più divertente (perlomeno per me e se state leggendo ci siete caduti pure voi) è conoscere i gusti radiofonici degli italiani, divisi per le varie regioni d’Italia.

Se grazie ad Affari Tuoi avete imparato che le regioni italiane sono 20 e non 21 come ci hanno fatto credere per anni a Miss Italia (grazie Miss Emilia e grazie Miss Romagna) adesso è arrivato il momento di scoprire chi siete. Mi raccomando se non vi riconoscete nel profilo non preoccupatevi, non siete tenuti a diventare così.

Incominciamo ad occuparci di quella parte d’Italia che definiremo “saggia” perché per gli abitanti della Valle d’Aosta e del Friuli Venezia-Giulia la radio ideale è Radio 1 Rai. Popolo patriottico. Per quanto la radio sia più ascoltata dai 30/40enni per queste due regioni dobbiamo fare un’eccezione e sollevare l’asticella dell’età di circa 30 anni, infatti i pensionati ultra sessantenni di sesso maschile sono i più assidui fan. Come quasi tutti l’italiani prediligono ascoltare la radio in macchina e sono tanto mattinieri quindi Voci del Mattino potrebbe essere il loro programma preferito.

Per rimanere nell’ambito delle regioni a Statuto Speciale passiamo alla regione che fa la differenza, il Trentino Alto Adige. È la prima di quattro regioni che fa della radio locale il suo punto di forza, il tutto con qualche differenza in più perché la radio in questione è Südtirol 1 ed è completamente in tedesco, quindi se non siete tanto avvezzi con la lingua potete almeno godervi la musica. Avrei voluto avere qualche informazione in più ma l’unica frase che so in tedesco è «Eins, Swei, Polizei». A differenza delle altre è l’unica regione che predilige l’ascolto a casa tramite il comune apparecchio radio, il pubblico è femminile e prettamente giovane e predilige l’ascolto nelle ore mattutine, magari non proprio mattinieri come i valdostani, ma i gusti un po’ si assomigliano.

Un’altra radio apprezzata dalle signorine è RTL 102.5, la radio preferita in Lombardia, Veneto, Puglia, Calabria e Sicilia. Un grande afflusso di regioni visto che è la radio più ascoltata in Italia. Anche qui è prediletto l’ascolto fuori casa e sopratutto è una tra le radio preferite dalle commesse, forse la Radiovisione annessa ai molteplici schermo piatto sparsi per i negozi di tutta Italia influenza i gusti e incrementa gli ascolti.

Se voi pugliesi siete stupiti del fatto che Radio Norba non sia la vostra “radio preferita” (non ha vinto per pochissimo) sappiate che stavolta lo scettro ve l’hanno rubato i vostri vicini di casa della Basilicata. Anche il pubblico radiofonico lucano è prettamente femminile e purtroppo ha anche un altro fattore che la contraddistingue dalle altre e cioè l’alto tasso di disoccupazione. Una nota dolente che tocca tutto il sud Italia, e non solo.

Un’altra radio che ha fatto incetta di regioni è Radio 105, l’emittente più ascoltata in Piemonte, Liguria e Emilia Romagna. Anche qui più o meno dati nella media: pubblico maschile, 30enne che ascolta la radio preferibilmente in auto ma con una certezza, Tutto Esaurito come programma preferito.

La regione con il pubblico più giovane è la Campania e la radio preferita non poteva che essere Radio Kiss Kiss. Il target degli ascoltatori è composto da studenti che variano dai 20 ai 30 anni d’età, buttiamoci dentro anche qualche fuori corso. Prediligono ascoltare la radio la mattina, spero non lo facciano in aula, e Danny Virgilio sappi che potresti essere tu il loro speaker preferito.

Se ci spostiamo un po’ in centro c’è un’altra emittente che tiene alto il nome delle radio locali, sto parlando di Radio Subasio che rimane la preferita dall’Umbria e dalle Marche. Anche qui il pubblico è prettamente femminile e mattiniero ed è una delle radio preferite soprattutto da coloro che lavorano nel settore commerciale.

Last but not least, il network preferito in centro rimane RDS che detiene lo scettro e la corona in Toscana, Lazio, Abruzzo, Molise e Sardegna. Con un pubblico composto maggiormente da insegnanti (che in questo periodo con la riforma della Buona Scuola sono al centro delle cronache) che apprezzano maggiormente l’unico programma che si distingue dal palinsesto e cioè Tutti Pazzi per RDS.

E voi vi riconoscete in questi profili? Io no di certo e se volete sfatare il mito dei dati Eurisko lasciate un commento con le vostre preferenze.

Comunque sia…Buona radio a tutti!

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM LUCIA MELAS

ENTRA NELLA COMMUNITY