Se anche voi come me amate fumetti, videogiochi, supereroi e spendete tutti i vostri risparmi in costosissime action figures (mannaggiaatehottoys) non potrete che apprezzare l’ospite di oggi: Himorta, al secolo, Antonella Arpa.
Cosplayer e modella che vanta una moltezza di followers, Himorta è ormai un punto di riferimento per il mondo del cosplay italiano, conosciamola meglio in questa intervista semiseria.

Classica domanda per rompere il ghiaccio: chi è Himorta?
Himorta è una cosplayer, modella e gamer. È anche nota per amministrare pagine humor famose, come il Katsokage del villaggio della voglia e l’umorismo di Piton.

Chi è Antonella Arpa quanto sveste i panni di Himorta? E com’è Antonella Arpa quando si sveste e basta?
Antonella Arpa e Himorta sono due facce della stessa medaglia. La compostezza e la disinibizione, la castità e la seduzione, la mente e il corpo. 
Come sono quando mi svesto? Ovviamente un gran belvedere.

Il coefficiente di attrazione oculare del tuo decolletè è impressionante. Si narra anche di aerei scomparsi nel nulla.
C’è qualche uomo in grado di parlarti fissandoti negli occhi ininterrottamente senza cadere li in mezzo con lo sguardo?


Sì, Vladimir Luxuria.

Il successo si sa espone alle critiche. Non è difficile imbattersi in commenti poco lusinghieri nei tuoi confronti che relegano il tuo successo alla prorompenza delle tue scollature.
Essere fighe e tettone non dovrebbe essere quasi un prerequisito per interpretare bene le protagoniste degli anime?


Quanta perspicacia. Potresti esporre questa domanda in pubblica piazza e tentare di farlo capire anche a chi critica il mio davanzale?

Un messaggio per tutti quelli che pensano che fumetti e videogame siano solo cose da ragazzini o da nerd sfigati…
Io adoro i nerd sfigati. Frequento solo nerd sfigati. Leggere fumetti e giocare ai videogames è la tattica segreta per rimorchiare. Non smettete mai!

Restiamo in tema tette. (proprio per non essere monotematici eh) Abbiamo appena detto che spesso ti si accusa di farne uso improprio, se però con il fido Google cerchiamo per immagini “cosplay” il risultato è un tripudio di poppe, di body succinti e di culi sodi. Non serve dire che, anche se si trova qualche addominale maschile di foggia Abercrombiana, le donne sono le protagoniste indiscusse. Credi che sotto sotto il mondo del cosplay sia un filino maschilista? In fin dei conti si richiede (almeno per arrivare a certi livelli di successo) che le interpreti siano esteticamente dotate mentre un uomo si salva infilandosi in una Mark IV.

Il discorso è assai più complesso e parte dall’origine stessa del fumetto, che ha sempre avuto un pubblico principalmente maschile. Sono pochissime – o probabilmente inesistenti – le donne grasse o di cattivo aspetto nei fumetti. Mentre un uomo può essere bruttino e quattrocchi come Peter Parker o verde e bavoso con Hulk. Esiste una versione femminile di Hulk, ad esempio, She Hulk, che è sexyssima e tettona, pur essendo verde. Il maschilismo del cosplay è una semplice conseguenza del maschilismo del fumetto.

Cosa fa di un cosplayer un bravo cosplayer? È solo una questione di sapersi fare gli abiti o entrano in gioco altri fattori?
Un bravo cosplayer è diverso da un cosplayer bravo. 
Un bravo cosplayer è carismatico, ha empatia con il suo pubblico, intrattiene, ha un proprio seguito. 
Un cosplayer bravo è talentuoso nella costruzione di armature e abiti. Sono due visioni assai diverse del cosplay. 
Io rientro nella prima categoria. Adoro il contatto umano, le relazioni con il mio pubblico. E credo sia questa la mia arma vincente, più che le tette in sé. Le tette secondo me aiutano, ma non sono il vero motivo della crescita del mio personaggio.

Il cosplay che avresti voluto fare ma che non hai mai potuto fare.

Ursula, la cattiva de La Sirenetta.

Quella volta che durante la realizzazione di un costume ti sei detta “cazzo ma quanto brava sono…”
Jinx da League of Legends

Sei anche admin della pagina Il Katsokage del Villaggio della Voglia. Come può essere che una ragazza bella e prosperosa abbia pure il dono dell’ironia e della “divertenza”??
Nascondi un ghost writer nel reggiseno?

Ma ti dirò che secondo me il “segreto” di Himorta sia proprio l’autoironia. Sono una cretina che ama divertirsi, ridere e deridere anche me stessa. Ripeto, le tette aiutano. Ma solo con quelle sono certa che non avrei conquistato nessuno.

Fan e follower determinano il successo di blogger/influencer/web celebrities. Dovrebbero essere tutelati e coccolati ma quali sono gli atteggiamenti o le tipologie dei tuoi follower che proprio non puoi sopportare?

Io li amo tutti, è bellissimo vedere quanto si sentano legati a te. Una categoria che non sopporto è quella del fotografo che spunta con il bastone dei selfie sotto la gonna per tentare strane foto. Non ti nego che una volta mi sono accorta di una cosa simile e ho inseguito il tipo pretendendo la cancellazione della foto.

C’è una domanda che mi sorge spontanea sfogliando la tua gallery di costumi: ma che razza di armadio avrai in camera?

Fortunatamente ho una soffitta. E la cosa inquietante è che è quasi piena.

Qual è la pick up line più idiota che hanno usato per cercare di rimorchiarti?
“Ciao sono Rubber, vuoi vedere di quanto mi allungo?”
“Se vuoi posso donarti le mie due sfere del drago…”
“Hey! Facciamo una FU-SIO-NE! e vediamo cosa esce??”

Interpretavo Poison da Street Fighter. Per chi non lo sapesse, è un transessuale. Un ragazzo mi si avvicina dicendo: “Ho sempre sostenuto che in realtà Poison fosse effettivamente una donna. Ti dispiace abbassare le mutandine per avere una prova certa? È da quando ho 10 anni che non ci dormo su, hai la possibilità di togliermi ogni cruccio”

Come uscire a cena con Himorta in 3 semplici mosse:

Sono talmente mangiona che uscirei con chiunque, se mi paga la cena.

Sesso in cosplay, già fatto? Vorresti farlo? Chi era il personaggio?
Mai fatto, ma non nascondo che mi piacerebbe molto!
47363110

La richiesta di collaborazione più assurda che ti abbiano mai fatto.
Schiacciare insetti e verdure a piedi nudi per un sito di feticisti.

.....ok

…..ok

Ultima domanda prima dei saluti: l’errore più grande che si possa fare quando ci si avvicina al mondo del cosplay.
Prenderlo troppo seriamente. E, ahimé, l’80% delle persone si dimentica che il cosplay è divertimento.

Prima di catapultarvi nella gallery sottostante potete seguire Himorta nei suoi principali canali social
Pagina facebook ufficiale
profilo Instagram
e se invece volete farvi due risate nerdose andate qui

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM ANDREA ARGENTON

ENTRA NELLA COMMUNITY