Viaggiare High in tempi Low

Guida semi-seria al risparmio vacanziero

0
Like

Buongiorno e ben ritrovati! Per molti di noi è proprio arrivato il momento di partire per le tanto attese vacanze… ho pensato così di proporvi una piccola guida semi-seria con alcuni insospettabili accorgimenti che, se giustamente adottati, ci permetterebbero di risparmiare durante il nostro viaggio. Valgono sia per il timido ed abitudinario viaggiatore che per il più scafato dei vagabondi globe-trotter… et voilà:

– SIATE DISINVOLTI: sembra che questo suggerimento possa c’entrare con i viaggi quanto Laura Pausini con un siparietto sexy, eppure…(ops, in effetti poi a ben pensarci c’entra eccome anche nel caso della nostra Laurona nazionale!). Tranquilli, per disinvolti non intendo mostrare le proprie parti intime in pubblico, ma intendo avere un comportamento easy, sicuro, rilassato, da persona che è perfettamente a suo agio dov’è e in quello che sta facendo. In due parole: non fate i turisti. I turisti si vedono a 100 km e sono le vittime preferite di tutti coloro che operando nel difficile mondo del turismo devono sbarcare il lunario: ergo, se sei turista e lo dai palesemente a vedere, ti fregano. Servizio scadente, prezzi alle stelle, scortesia, quando ti va bene…al resto ci pensano borseggiatori e truffatori. Ok, è un discorso generalista e si possono fare mille obiezioni, ma nel concreto succede, fidatevi. Quindi comportatevi sempre come persone che, pur non essendo del posto, lo conoscono decisamente bene… no indecisioni, no sguardo per aria, no atteggiamento smarrito né tanto meno preoccupato. Assumete l’aria di chi sa bene dov’è e cosa vuole fare, e soprattutto di chi sa. Come farlo in maniera convincente senza ridurre il tutto ad una mera e penosa recita?

1) Informatevi prima di partire. Arrivate sul posto con maggiori informazioni possibile, ricavate da altri o ricercate da voi stessi su libri, social, siti web etc. Bè, non vi sentirete come a casa, ma nemmeno smarriti e, anzi, padroneggerete brillantemente la situazione;

2) Se siete all’estero, cercate di parlare almeno una lingua al di fuori dell’italiano. Inglese meglio di tutto naturalmente, ma se siete in Francia e masticate un po’ di francese grazie alle lezioni ai tempi delle medie, bè, muovetevi, è il momento di rinfrescare subito la vostra memoria;

3) Siate vigili, attenti e ragionevoli: ok, è vero che siete in vacanza per riposarvi, ma questa non è una buona scusa per spegnere totalmente il cervello. Non stressatelo, ma usatelo! Capirete subito se state per essere imbrogliati!

– NON SIATE SFACCIATI, MA EDUCATI. Attenzione, essere disinvolti ed a proprio agio non vuole dire essere sfacciati. In qualsiasi parte del mondo ne hanno abbastanza di personaggi spocchiosi, maleducati, arroganti che si fanno strada al grido di “lei non sa chi sono io”. Purtroppo pare che tra questi un buon 60% siano italiani. Ahimè se sei italiano parti già con il piede sbagliato…ma non temete, siete assolutamente in tempo ed in grado di smentire chi vi ha preceduto. Siate gentili, sempre, educati, pazienti con chi non capisce la vostra lingua o le vostre esigenze, mantenete sempre la calma, siate posati, sorridenti, brillanti ma garbati. Se ti aspetti gentilezza, devi essere il primo a dimostrarla. Per esperienza posso garantire che 4 volte su 5, se sei gentile, vieni ricambiato anche dal cameriere che in prima battuta appare freddo e lievemente scortese. Gentilezza ed educazione sono virtù così rare oggi da far notare ed emergere su tutti la persona che ne è dotata, e da farla persino ricordare negli anni. Se la cena è ottima ed il servizio impeccabile, o piacevolmente friendly (dipende da cosa preferite), ditelo, complimentatevi con camerieri, maître, o con lo chef, manifestate la vostra soddisfazione. Per loro sarà un incoraggiamento a continuare così, e probabilmente anche a trattarvi bene nel conto. Se al contrario non siete soddisfatti, trovo che lamentarsi sia estremamente controproducente. Ormai è andata così, avete mangiato, non vi è piaciuto, ma indietro non si torna. Limitatevi a lasciare qualcosa nel piatto, pagate, prendete nota del posto e non tornateci. Lamentarsi porta solo ad innescare una sterile discussione che finirà con voi adirati, loro con i soldi in tasca, e la serata rovinata. Infine presentarsi in maniera arrogante non porta certo al rispetto ed un tavolo magnifico… oddio questo forse anche sì (della serie, li prendi per sfinimento…), ma insieme al tavolo top rischi di ottenere anche un conto triplicato ed un bello sputo nel piatto. Vedi tu…

Pensate a quel vostro amico che, caspita, ovunque sembra conoscere tutti, riesce sempre ad avere un buon tavolo al ristorante, ad entrare in discoteca quando fuori c’è la coda ed al quale le vacanze vanno immancabilmente sempre e comunque alla grande…fortunato? un po’ sì, ma con buona probabilità avrà adottato gli atteggiamenti di cui sopra.

– ANDATE D’ACCORDO CON LA VOSTRA COMPAGNIA: andare d’amore e d’accordo con il vostro compagno di viaggio, che si tratti della vostra metà o di un gruppo di amici, è un obiettivo da perseguire non solo per la buona riuscita della vacanza, ma anche per risparmiare. Come? La buona compagnia è gratis! Se state bene con chi è insieme a voi non serve necessariamente andare ogni sera nel posto più cool per divertirvi, non occorre girare tutte le discoteche, mangiare nei posti più alla moda o fare mille attività (e di conseguenza sempre e solo spendere)…cosa c’è di più piacevole di una chiacchierata in spiaggia al tramonto, senza orari e senza stress? Quante volte vi è capitato di pensare ai momenti belli di una vacanza e di sorprendervi nel ricordare un momento semplice come dannatamente divertente? La scorrazzata in scooter per le stradine di Mykonos piuttosto che la partita a carte o quella di calcetto con i vicini di ombrellone, o andare a fare il bagno sotto le stelle dopo la serata in discoteca… Ed i momenti romantici con la vostra lei/lui? Sono sempre legati ad una cena costosa a lume di candela o al tavolo nel privè del club “giusto”? Non credo… Se ci si annoia,o peggio si litiga, si cerca di riempire i momenti con altro, e spesso questo significa spendere e spandere anziché godersi il posto e la reciproca compagnia (e se lei è arrabbiata, lo shopping sfrenato è la migliore delle valvole di sfogo…). Andare d’accordo con fidanzati/e e/o amici fa bene al cuore, alla vacanza…e al portafoglio!

infine, last but not least, se siete donne…

– SIATE FIGHE! c’è poco da fare, nei locali non pagate, tutti faranno a gara per offrirvi da bere, per portarvi a cena, insomma per rendere la vostra vacanza finanziariamente poco impegnativa (per voi, naturalmente!)… come ben ci insegna Andrea nel suo Pantone 259, gli uomini sono ancora sensibili alle belle signorine! ;)

Buon week-end!

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM FRANCESCA MANSUTTI

ENTRA NELLA COMMUNITY