Blueeco

Con gli oli essenziali ho smesso di comprare molti detersivi

0
Like

Tra la lista delle attività che amo fare non ci sono di certo le pulizie domestiche ma l’ultima esperienza che ho vissuto vale una nota.

Innanzitutto non sono quel genere di persona legata ai prodotti ecologici. Ho sentito parlare molte volte di prodotti bio ed eco che poi di fatto non lo erano per niente. Così ho deciso di affidarmi al buon senso e basta, senza per forza cercare tutte le etichette che vogliono assicurare chissà cosa.

Di solito svolgo le pulizie come si deve una volta alla settimana, il sabato quando non lavoro. Esclusa la cucina che naturalmente devo pulire per bene almeno una volta al giorno. Nell’armadietto delle pulizie, così lo chiamo, ho quasi una ventina di detersivi di ogni genere. Il motivo è che voglio pulire i diversi materiali con i prodotti specifici, però non sono mai stata del tutto sicura che fossero utili.

Quando uso i prodotti chimici di solito uso i guanti però respirarli è inevitabile, non ho intenzione di far vedere ai miei figli che pulisco con una maschera da scena del crimine. Sono consapevole del fatto che molti prodotti, se non tutti contengono sostanze inquinanti. Ogni tanto incappo su facebook in qualche articolo chiarificatore e mi piace anche verificare sempre le fonti. Quindi se l’anticalcare che uso contiene formaldeide, cercarne gli effetti negativi on-line non è un’impresa così ardua. Non leggerò mai da nessuna parte che la candeggina non sia pericolosa per la salute dell’uomo e nemmeno che le profumazioni sintetiche entrino in un programma di aromaterapia.

Insomma, so o comunque penso di sapere che se le industrie chimiche quando producono detersivi inquinano acqua, aria e suolo, anch’io quando uso i prodotti che ne derivano non sto facendo di certo un’operazione di tutela ambientale. Questa consapevolezza mi fa sentire responsabile di altre due cose. La prima che forse sto facendo respirare schifezze anche ai miei figli, la seconda che non sto di certo dando il buon esempio.

Così mi sono messa alla ricerca di qualcosa di veramente valido per pulire la casa senza inquinarla. Ho digitato su Google “oli essenziali per la pulizia della casa” e tra i diversi risultati ho letto l’esperienza di una ragazza. Un’esperienza come la mia che ho deciso di scrivere perchè possa essere utile a qualcun altro.

Grandi linee ho sempre saputo che gli oli essenziali hanno proprietà disinfettanti. Renderli solubili in acqua per fare le pulizie domestiche era però un mistero. Gli oli sono per natura oleosi e unti. Fino a quando ho scoperto delle boccette da 50 ml di essenze a base di olio essenziale al Limone. Nell’articolo che ho letto la ragazza scriveva che bastavano poche gocce diluite in acqua per pulire ogni superficie e pavimento senza danneggiarlo. Praticamente grazie a piccole quantità si può creare uno spruzzino multiuso, o un detergente per i pavimenti utilizzando un secchio.

Ora ne ho la certezza perchè lo faccio anch’io, ma la mia domanda a quel tempo era: come hanno reso solubili in acqua questi oli? Blueeco il brand che li commercializza mi ha dato prontamente una risposta “grazie a dei tensioattivi ecologici ed eco-compatibili”. Il fatto che esistono tensioattivi buoni di origine vegetale e comunque non pericolosi l’ho scoperto attraverso diverse ricerche che ho voluto fare. Vale la stessa cosa per le saponette, ci sono quelle industriali che contengono tensioattivi chimici che danneggiano la pelle, ci sono poi quelle che contengono tensioattivi vegetali sicuri ed ecologici.

Per capirci tutto quello che fa schiuma, come un sapone, un detersivo ecc. la fa perchè contiene tensioattivi. Grazie a questa ricerca ho scoperto che tutto ciò che compriamo nei supermercati, nella grande distribuzione in genere contiene tensioattivi chimici. Per me questa notizia è suonata male, come quella volta che hanno annunciato che i sali di alluminio presenti nei deodoranti possono provocare il cancro al seno. Uno può pensare “fantasie”, ma ormai lo sanno anche i muri che il cloridrato di alluminio è molto tossico.

Così ho eliminato tutto quello che di chimico non mi andava più di usare: spruzzino multiuso, deodorante per ambienti, detersivi per i pavimenti. Ho sostituito questi prodotti con una sola boccetta di olio essenziale al limone da 50 ml. Poi se leggiamo bene, il primo ingrediente dei detersivi è l’acqua che comunque ce la fanno pagare a caro prezzo compreso il flacone di plastica e tutte quelle fesserie del tipo “profumo fresco di montagna naturale” (fatto chiaramente in laboratorio).

Spiegarvi ora che non respiro e non maneggio più schifezze e che la mia casa è profumata in modo naturale è la conseguenza più scontata ma allo stesso tempo la più bella che vivo all’interno della casa. Mi sento sollevata, sono felice di tutelare la salute dei miei figli da questo genere di chimica e di dargli il buon esempio. Se lo meritano anche loro futuro migliore.

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM GIOVANNA DI GIORGI

ENTRA NELLA COMMUNITY