Odio i ricci

Gasparri il Cyberbullo

0
Like

 

fedezgasparriFedez, come in molti saprete, è un giovane rapper. E il giovane rapper ha deciso di scrivere un brano per il Movimento 5 Stelle. Scelta discutibile? Può anche essere. Ma alla sua età, indipendentemente dallo schieramento, è importante avere la volontà di combattere per qualcosa. Fino a ieri, i politici non sapevano nemmeno chi fosse, dopo questa cosa, pare che Fedez sia diventato importante come Barack Obama. Tutti che parlano di lui, tutti i potenti che lo vogliono fare fuori. E così, Gasparri (caro Maurizio, ma davvero non avevi niente di meglio da fare?) ha iniziato ad insultare su Twitter il rapper, definendolo un “dipinto” a causa dei suoi tatuaggi. E chiedendosi come una persona così, possa esprimere delle opinioni politiche. Da lì, il degenero. Le fan di Fedez hanno difeso il loro idolo con le unghie e con i denti e lui, il teen-Gasparri ha iniziato ad insultare a sua volta. E chi insulta? Una ragazzina non proprio magrissima a cui scrive “Meno droga, più dieta”.

Allora caro Maurizio, le buone maniere, l’educazione e l’intelligenza sono cose che vanno ben oltre gli schieramenti politici. Tu hai dimostrato di non possedere nessuna di queste doti. Tu, classe politica dirigente, dovresti insegnare ai giovani come si sta al mondo. Invece, sono loro che lo hanno insegnato a te. Fedez, che ha reagito in maniera consona e matura all’accaduto e la povera ragazzina, che magari in una fase di crescita delicata come la sua, ha bisogno di molte cose ma sicuramente non di essere umiliata a causa del suo aspetto fisico. Speriamo solo che tutta questa storia ti abbia insegnato almeno un pochino di buona educazione. E… consiglio, lascia stare i social, non mi sembra tu abbia capito come farne un’arma a tuo vantaggio.

«Sporco fuori» Cit. Gasparri

«Caro Gasparri, io sono sporco all’esterno ma giudicare le apparenze è l’atteggiamento tipico di chi è sporco dentro» Replica di Fedez

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM NADIA VENTURINI

ENTRA NELLA COMMUNITY