Pantone 259

FriendZone level: over 9000

0
Like

Sunday boobies sunday.. cantavano gli U2, o forse era bloody? Poco importa, nella nostra rubrica c’è sempre spazio per un decollete generoso, anzi lancio in diretta l’hashtag #gushmaggercleavage per pubblicare le vostre scollature più profonde su instagram! (io ci provo sempre ma alla fine qua di foto non ne arrivano mai… comincio a sospettare che la redazione mi tenga trincerato dietro ad un firewall antitentazioni).

 

Questa domenica non avendo nessuna playmate da intervistare avevo provato a rivolgermi alla donna della strada, ma dopo aver stabilito che un intervista rientrava in ogni caso nelle prestazioni orali ho lasciato perdere: come tutti sanno sono 50 la bocca e 100 l’amore e non è che siamo qui a sperperare le finanze con la stessa leggerezza con cui al Billionaire si stappano bottiglie di Dom Perignon.

 

Mi rimane quindi un buco libero, un concetto ignoto a Sara Tommasi, e ho deciso di dedicarlo ad una piaga sociale che da anni ormai dilaga in tutto il mondo rovinando la vita a milioni di giovani speranzosi – non stiamo parlando di “Uomini e Donne” che per quanto mi risulti non è ancora trasmesso in mondovisione- Oggi parliamo di FriendZone.

 

Cito e traduco la definizione di FriendZone direttamente dall’ Oxford Dictionary Online  (e sto cazzo) “Una situazione in cui una relazione platonica esiste fra 2 persone, una delle quali ha un interesse romantico o sessuale non dichiarato per l’altra persona”. Che in parole povere altro non è che la tanto decantata regola dell’amico resa famosa da Max Pezzali.

 

Non puoi capire davvero la FriendZone se almeno una volta nella vita non sei stato friendzonato, e credetemi ho navigato in questa palude per talmente tanto tempo che ormai sgamo una friendzone allo stesso modo in cui Neo vede il codice di Matrix. (tra l’altro mi spiace per Neo perché immagino che guardarsi un porno a strisce verticali di codici verdi non deve essere entusiasmante come schivare le pallottole)

 

Nonostante colpisca indistintamente ambo i sessi la conditio ha una percentuale di incidenza maggiore tra il popolo maschile. Dopotutto è risaputo che appena ad una ragazza comincia a spuntare il primo timido accenno di seno tanto basta per renderla bersaglio di continue ed incessanti offerte di salamella che nemmeno alla Coop.

 

Se la FriendZone fosse un qualcosa di fisico e tangibile sarebbe un invito di gala, stampato su Fedrigoni Syrio Pearl da 300 gr con lamina oro o argento e il testo dell’invito reciterebbe più o meno in questo modo:

 

———————————

Argenton Andrea

è lieto di invitarla all’evento

 

Succhiami sta Gran Minchia

 

che si terrà ogni giorno, dove capita

fino a data da destinarsi

 

r.s.v.p

———————————

 

Perché, epurata da ogni romanticismo, alla fine vogliamo una cosa sola dall’amica che tanto ci coccola come fossimo fratelli, e di certo non è essere il suo avversario preferito a QuizDuello, noi vogliamo bombarcela fino a che a forza di battere non si creino particelle di antimateria tra le cosce. Altro che i 27 km di tunnel che compongono L.H.D. del Cern, a noi bastano 20 cm di T.E.G.A. (ehm.. vabbeh 18…16?) e te lo troviamo subito il “busone” di Higgs.

 

Uscire dalla FriendZone è difficile, molto difficile, ma non impossibile. Parliamoci chiaramente però, anche a costo di risultare antipatico e impopolare: se avete il classico fisico da giocatore di scacchi, o siete un beta tester di McDonald, se avete la faccia che sembra un quadro di Picasso o l’ultima volta che vi siete fatti una doccia Paolo Bonolis conduceva ancora Bim Bum Bam forse è il caso di chiedersi come mai l’altro sesso non mostri interesse nell’ingropparvisi.

Lavorate prima su voi stessi, anche nel modo di porvi rispetto all’altro sesso, e il traguardo di trasformare una FriendZone in una FuckFriendZone non sarà poi così lontano.

 

Potrei scrivere un trattato filosofico per farvi capire meglio la FriendZone, ma credo che la cosa migliore sia visitare il  gruppo Facebook Boom. Sei stato Friendzoned.

Una pagina succulenta di testimonianze, meme, esperienze dirette e indirette a cui non potrete fare altro che mettere un bel like per avere la vostra dose quotidiana di Friendzonati… perchè alla fine siamo tutti passati per la Friendzone almeno una volta nella vita.

 

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM ANDREA ARGENTON

ENTRA NELLA COMMUNITY