Etnico è chic, questa è la parola d’ordine per gli estimatori di questo stile, che ha imperversato una quindicina di anni fa nelle nostre case.  Il 2015 segna dunque il ritorno dell’etnico, ma in chiave più moderna: pochi oggetti scelti con cura e palette cromatica sobria e limitata. Se desiderate dare un tocco esotico alla vostra casa, non sarà quindi  necessario dipingere le pareti con tinte accese, accumulare oggetti  provenienti da ogni angolo del globo o acquistare mobili impegnativi, come accadeva in passato: la chiave dello stile etnico chic è la semplicità, una caratteristica che si adatta anche agli amanti del minimalismo.

Bianco totale con un evocativo accento esotico: è lo stile della interiors designer Carde Reimerdes, che in questo soggiorno ha inserito un tavolino da salotto marocchino dipinto di bianco e trasformato un ombrello di Bali in paralume.

etnico chic Paulina Arcklin

photo e styling Paulina Arcklin

Ancora un’immagine della fotografa e stylist Paulina Arcklin, che ha contribuito al ritorno dello stile etnico declinato in chiave moderna, una sapiente combinazione di stile nordico, shabby ed elementi esotici rivisitati.

La Butterfly Chair di Jorge Ferrari-Hardoy, disegnata nel 1938, si inserisce perfettamente in un ambiente esotico. Le lampade in bamboo di ispirazione tailandese di Bloomingville sono un classico esempio di combinazione tra gli stili scandinavo e etnico.

I pouf marocchini sono molto eleganti e versatili, adatti sia per interni che per esterni, come si vede in questa immagine che ritrae un allestimento veramente particolare per un ricevimento di matrimonio.

I pouf, il tavolino da salotto esagonale, le piastrelle, le coperte, il vasellame, le lanterne, sono solo alcuni degli oggetti-cult del ritorno dell’etnico 2015, tutti originari del Marocco.

Ecco tre negozi on line dove potrete trovare prodotti di qualità in linea con il trend del momento:

Qui sopra i cuscini rivestiti con le tradizionali coperte da matrimonio marocchine, con frange e paillettes luccicanti, da El Ramla Hamra.

Sotto, coperta marocchina con pom pom, da Mui Ma.

piastrelle marocchine

Zoco Home

infine da Zozo Home trovate, tra pouf e lanterne, perfino le piastrelle.

tadelakt

5 Columns // Photo Paulina Arcklin

Concludo mostrandovi un bagno rifinito con il tadelakt, un rivestimento murale tipico della tradizione marocchina a base di calce, pigmenti, sapone nero e cere che ha la caratteristica di essere impermeabile e traspirante, quindi adatto per gli ambienti umidi (leggi di più).

Due parole sui colori: lo stile etnico è caratterizzato da colori accesi e intensi, mentre la palette di quest’anno si basa sui toni chiari e naturali.  Va detto che nessuno vi vieta di utilizzare i colori: nell’arredamento non esistono regole rigide, piuttosto si seguono dei suggerimenti. Il mio è quello di dosare il colore, introducendo, sulla base neutra di rivestimenti e mobili, un colore in tono su tono o in contrasto. Turchese, blu elettrico, rosso e tutta la gamma delle ocre e delle terre. Utilizzate i complementi e i tessili  per distribuire i tocchi di colore, ed avrete un insieme armonioso ed accogliente.

Se avete voglia di cominciare a introdurre un tocco esotico in casa vostra, ecco un simpatico progetto DIY facile e veloce:

Vasetti di vetro +  vernice per vetro (versatela all’interno e ruotate il vasetto per distribuirla su tutta la superficie) + tubetto di pittura per vetro color oro + filo di ottone

Non mi resta che augurarvi buon relooking!

Cinzia Corbetta

Vuoi scrivere un commento?
Effettua la registrazione da questo link:

Registrati

MORE FROM CINZIA CORBETTA

ENTRA NELLA COMMUNITY