CartaCarbone Festival

Diario di una volontaria al CartaCarbone Festival | Per me. Il libro.

0
Like

Meno di dieci giorni a CartaCarbone Festival, il primo festival letterario organizzato a Treviso, alla sua seconda edizione.

E quest’anno l’associazione culturale Nina Vola ha fatto le cose in grande. In serbo per tutti gli appassionati di lettura e scrittura, ma anche per coloro che inavvertitamente si imbattono nel festival mentre passeggiano per le vie del centro, ben 80 eventi distribuiti in 4 giorni, da giovedì 15 a domenica 18 ottobre, in 14 locations.

Immagine

Novità dell’anno la poesia, che affianca letture sceniche, spettacoli, laboratori, il tutto grazie alla partecipazione di ben centocinquanta ospiti.

I temi spaziano dall’autobiografia come mezzo di autoanalisi, a riflessioni sui new media e nuove tecnologie dell’informazione globale, passando per l’amore “cattivo” e “buono” e l’Altro, lo straniero.

Questo è ciò che ci aspetta detto in brevi (anche troppo brevi) battute.

Io farò parte della squadra di volontari  (siamo oltre 100!!) che aiuteranno in qualsiasi modo quest’evento e in questo momento non sto nella pelle perché arrivi il “grande giorno” (I grandi GIORNI!).

Gushmag seguirà come l’anno scorso il festival, io, da parte mia, volevo contribuire da un altro punto di vista: con un diario di una volontaria (per quanto mi sarà possibile!)

PRE-FESTIVAL – PER ME. IL LIBRO.

Volevo fare la cantastorie! Amo i libri, amo leggerli, e leggerli ad alta voce, cos’è per me un libro?

Un libro è un nuovo mondo da esplorare, da conoscere e fare tuo.
Un libro aspetta di essere letto, ha pazienza perché sa che prima o poi arriverà chi saprà dargli un’anima, chi saprà capirlo anche a distanza di tempo, dopo varie letture.

Un libro diventa tuo nel momento in cui stringendolo tra le mani ti senti nuova, rincuorata e chiudi, con quel classico vuoto allo stomaco, l’ultima pagina con un sorriso soddisfatto.

Diventa il tuo libro preferito quando riesce a leggerti dentro,

quando ha il potere di isolarti dalla realtà,
quando, nella tua testa, si crea un film di immagini,
quando ti attiva la fantasia e ti fa sentire vivo,
quando riesce a mantenerti curioso e ti sprona ad esserlo anche nel mondo al di là della copertina.

È come se la tua anima si scomponesse in tanti piccoli pezzi destinati a ogni libro 623che leggi.
Tu sei la tua libreria,
è per questo che ci sono volumi che tutto d’un fiato ti fanno perdere la cognizione del tempo e non vedi l’ora di rileggerli nuovamente,
perché hai bisogno di recuperare la tua parte di anima, di ritrovarti.

Tu diventi i personaggi che ami.
Riusciamo ad immedesimarci in ogni carattere, a farlo nostro, a pensare come lui, a muoverci come lui, tanto che ci affezioniamo e più le pagine si riducono più non vogliamo lasciarlo.

“Leggere è il cibo della mente”
è proprio vero.
È un nutrimento per la mente e per l’anima,
risveglia dal torpore delle abitudini e ti sconvolge le idee.

E per te? Cos’è un libro, cos’è la lettura, la scrittura?

Ti aspetto (ti aspettiamo) a CartaCarbone!

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM CRISTINA ANTIGO

ENTRA NELLA COMMUNITY