Coni et Amo

Di date di compleanno memorabili, regali dimenticati e generazioni di mezzo – ep.12

0
Like

RB compie gli anni in una data davvero memorabile: il 31 dicembre. Così tanto memorabile che RC la confonde sempre con l’1 gennaio, perché sotto sotto trova assurdo compiere gli anni sia l’ultimo sia il primo giorno dell’anno. Quindi, nel momento in cui RC scrive questo post, non è sicuro che il compleanno di RB sia effettivamente il 31 dicembre, ma perché il tutto narrativamente regga RC assumerà sia così. 

*durante una delle tante gite in macchina Ufficio-Casa del freddo di dicembre*

RC: certo che deve essere assurdo compiere gli anni l’ultimo giorno dell’anno, no?

RB: eh a chi lo dici, che da 27 anni devo farci i conti e da piccolo avevo il trauma che non potevo fare la festicciola con i miei compagni di scuola.

RC: cioè non sei mai riuscito a organizzare una festa con i tuoi amichetti o altro?

RB: solo una volta, prima del cenone di San Silvestro nella mia parrocchia, quando stavo per compiere 10 anni. Ma nessuno mi cagava, tutti i grandi pensavano solo al Tombolone per vincere le ceste natalizie, e i miei compagni a scoppiare Mefisto anzitempo.

RC: a 10 anni andavate già di Mefisto? Io al massimo di Mini Ciccioli. ‘Ste parrocchie di provincia.

RB: sguardo severo, come a dire “Don’t you dare”

RC: per non parlare dei regali, immagino.

RB: eh beh certo, i regali erano quelli di Natale, mica me li facevano doppii.

RC: va beh, tanto per te non è un problema, dato che – anche se devi – i regali non li fai. O perlomeno non li consegni in tempo.

RB: ancora che rompi il cazzo con questa storia?! Mi fai sentire più in colpa di quando mi sono dimenticato di fare il regalo per il 4° anniversario a mia morosa!

[Piccola parentesi: Per RC e RB non sono importanti i regali – si mentono sempre per sembrare adulti davanti agli altri, anche se il loro desiderio più grande sarebbe aprire regali di continuo come i bambini, in questa età diventata troppo velocemente adulta – , perché il regalo più grande per entrambi è una sigaretta nel momento giusto o un caffè prima di immergersi per ore in una fitta presentazione. Ma quella volta, in cui RB doveva fare un regalo a RC, RB ha cannato di brutto. E RC non perdona.]

*qualche secondo di silenzio, mentre un coglione qualsiasi ci supera a destra in autostrada e RB tira una bestemmia*

RC: cioè… tu sei nato l’ultimo giorno degli anni ’80?! 

RB: esatto, caro mio.

RC: *immaginatevi la reaction di Facebook che fa “Wow”*

RB: la cosa ti scompensa?

RC: sei un ibrido tra due generazioni chiave dello scorso secolo. Sei nato dopo la caduta del muro di Berlino, il che ti rende un giovincello che non ha conosciuto la guerra fredda, ma prima del Britpop e del Grunge e della disillusione consumistica degli anni ’90. Gli anni ’80 sono prima di tutto un orgoglio, e la tua data di nascita ti rende l’ultimo baluardo di un decennio troppo bello per pensare di essere passato. Che nostalgia.

RB: Parli come se avessi vissuto in pieno gli anni ’80. Invece sei nato appena 500 giorni prima di me.

RC: Mi sono vissuto ben due estati degli anni ’80.

RB: e hai vissuto anche gli ultimi stralci della guerra fredda immagino.

RC: certo, io mi porto la storia dentro.

RB: ma vai a cagare va’.

RC: comunque la tua data di nascita è una figata. Sei di una poesia e di un romanticismo unici.

RB: *occhi a cuore* così mi fai emozionare.

RC: non ti perdonerò mai per la tua giovinezza, comunque, anche perché sei vecchio dentro.

RB: *mentre si stiracchia per il mal di schiena* essere vecchi dentro è uno state of mind.

 

E mentre il nostro RB vecchio dentro volge al termine del 2017 insieme al compimento dei suoi 28 anni, RC si sente come un vecchio saggio che guarda al passato con nostalgia e orgoglio, e fa i più grandi auguri di un sereno 2018 al proprio compagno di avventure markettare. Ops, gli fa i più grandi auguri di compleanno.

Spiacenti, i commenti sono chiusi ...

MORE FROM RC RB

ENTRA NELLA COMMUNITY